sabato 17 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Gazzetta dello Sport Rassegna Stampa
07.11.2018 Ciclismo, l'italiano Davide Cimolai in Israele: 'Qui progetto unico'
Commento di Ciro Scognamiglio

Testata: La Gazzetta dello Sport
Data: 07 novembre 2018
Pagina: 36
Autore: Ciro Scognamiglio
Titolo: «Cimolai sbarca in Israele: 'Hanno un progetto unico'»

Riprendiamo dalla GAZZETTA dello SPORT di oggi, 07/11/2018, a pag. 36, con il titolo "Cimolai sbarca in Israele: 'Hanno un progetto unico' ", il commento di Ciro Scognamiglio.

Immagine correlataImmagine correlata
Davide Cimolai

Tra i nomi dei pro' senza contratto per il 2019, il suo era uno di quelli pesanti: ma adesso pub uscire da quella «scomoda» lista. Sì, Davide Cimolai ha trovato squadra: il 29enne friulano, lasciato libero dalla Groupama-Fdj, approda infatti alla Israel Cycling Academy, il primo team professionistico israeliano di alto livello, quest'anno visto anche al Giro d'Italia che scattava proprio da Gerusalemme. Un'altra bella notizia, dopo il recente matrimonio (20 ottobre) con Greta.

Nel 2010-2011 alla Liquigas, poi cinque stagioni nel gruppo Lampre fino alle ultime due annate alla corte di Arnaud Demare con la Fdj (ora Groupama-Fdj): da quando è professionista, Cimolai ha sempre corso per squadre di primissima fascia. Uomo veloce, anche se non sprinter classico, Davide ha colto cinque successi da pro' — il primo al Laigueglia nel 2015, anno in cui si è piazzato ottavo alla Sanremo — e nel periodo «francese» si è ritagliato il ruolo di «vagone» del treno di Arnaud Demare. Anche se il suo giorno più bello del 2018 è legato alla maglia azzurra: il 12 agosto a Glasgow, infatti, il «Cimo» è stato fondamentale per la vittoria europea di Matteo Trentin ed è diventata iconica la foto che lo vede esultare qualche istante prima che il capitano tagliasse, vittorioso, la linea bianca. Nel mese precedente, però, la squadra non lo aveva selezionato per il Tour de France e dopo il Binck Bank Tour (conclusosi il 19 agosto) non lo ha fatto più correre: chiaro segnale di un rapporto arrivato ai titoli di coda. L'Israel Cycling Academy è un team Professional, un gradino sotto le squadre World Tour, ma è molto ambizioso. «È una situazione che non riesco a capire. Non sono un campione, ma non mi reputo di certo l'ultimo arrivato. Rifarei tutto quello che ho fatto. Mi sono sempre sacrificato, svolgendo i compiti richiesti»: così Cimolai meno di un mese fa, quando il suo futuro agonistico era un punto interrogativo. Adesso le parole sono altro tenore: «Questo team ha un progetto unico. Sono fiero che mi abbiano scelto».

Per inviare alla Gazzetta dello Sport la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


andrea.monti@gazzetta.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT