venerdi 23 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






fiammanirenstein.com Rassegna Stampa
22.12.2016 Israele, grande emozione per Riccardo Muti 80 anni dopo Toscanini
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: fiammanirenstein.com
Data: 22 dicembre 2016
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Tel Aviv: Riccardo Muti dirige il concerto per gli 80 anni di vita della Israel Philharmonic Orchestra»

Riprendiamo l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "Tel Aviv: Riccardo Muti dirige il concerto per gli 80 anni di vita della Israel Philharmonic Orchestra".

A destra: Riccardo Muti dirige la Israel Philharmonic Orchestra

http://www.fiammanirenstein.com/articoli.asp?Categoria=6&Id=3957

Arturo Toscanini nel 1936, nella stessa data di ieri, invitato dal violinista Bronislaw Huberman, il fondatore dell'Orchestra della Palestina (il nome dato dagli antichi romani a Israele dopo averne distrutto il tempio nel 70 dopo Cristo, e poi usato dal mandato Britannico al tempo di cui parliamo) decise per un'azione drammatica a Tel Aviv contro il fascismo, contro l'antisemitismo, per gli ebrei e il loro sogno sionista che sorgendo, sceglieva come pietra di fondazione un'università, quella di Gerusalemme, e un'orchestra a Tel Aviv. Toscanini venne a dirigere nel nascente Stato Ebraico. Huberman aveva raccolto, in fuga dall'Europa, 75 musicisti ebrei che avevano come unica arma di sopravvivenza la loro musica, il loro strumento. Toscanini diresse con amore e dolcezza senza precedenti Rossini, Brahms, Schubert, Mendelssohn e Weber. Si racconta che placò persino le sue famose rabbie.

Immagine correlata
Arturo Toscanini

Albert Einstein gli scrisse dagli Stati Uniti dove era esule "L'esistenza di un contemporaneo come lei cancella molte delle delusione che si devono continuamente subire da parte della species minorum gentium". Le stesse parole, con la dovuta modestia della mia persona, vorrei oggi dedicare a Riccardo Muti. Non solo di fronte a una magnifica platea ha diretto l'identico programma in un tributo all'amore di Israele per la vita, la pace, per la sua storia di resistenza contro la barbarie e il razzismo, ma alla fine annunciando "una piccola sorpresa" ha diretto anche Hatikva, "la speranza", l'inno nazionale che tutto il pubblico ha cantato in piedi. Molte lacrime scorrevano sulle guance degli spettatori, persino su quelle dei soldatini in divisa che alla Filarmonica entrano gratis. Sono le lacrime di chi ha visto molte guerre, troppi attentati terroristici che hanno vilmente assassinato donne e bambini, di chi ha mantenuto saldo nonostante tutto l'ideale della democrazia realizzata, in cui ogni uomo ne vale un altro con tutte le difficoltà che questo comporta in tempo di conflitto e quando si è ideologicamente aggrediti e denigrati da mezzo mondo.

Immagine correlata

Riccardo Muti è un Maestro, un artista senza pari, e anche un'anima grande che ha il coraggio in un mondo pieno di ipocrisie e di opportunismi di combattere per la verità. Ci vuole un gran cuore per sfidare il politically correct del salotto mondiale della cultura, che arriccia volentieri il naso nella sua ignoranza su Israele. Muti sa invece vedere il nesso fra l'amore per l'arte e la libertà che Israele incarna, ricorda che per renderne reale la pratica, e non blaterarne solo a parole, l'orchestra nacque dieci anni prima dello Stato in mezzo alle guerre, con sforzo ciclopico. Una mia amica ottima violoncellista dopo aver assistito alle prove generali mi ha scritto un e-mail: "Che cosa ha saputo fare quest'uomo all'orchestra in due giorni!". Ed è una delle orchestre migliori del mondo! E' perché Muti è un musicista, ma anche un uomo, certamente fra i migliori di tutti quelli che oggi camminano su questo globo spazzato dalle guerre, ma grazie a Dio, anche dalla musica. E riproponendo il tributo di Toscanini, ha fatto a Israele un nuovo dono fondamentale.

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein


www.fiammanirenstein.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT