venerdi 23 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






fiammanirenstein.com Rassegna Stampa
18.01.2008 Fiamma Nirenstein racconta una giornata a Sderot
la città israeliana è una parabola della civiltà occidentale ?

Testata: fiammanirenstein.com
Data: 18 gennaio 2008
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Una giornata a Sderot»
Dal sito di Fiamma Nirenstein
www.fiammanirenstein.com

Cari amici, vi vedo piuttosto apatici e questo mi appare strano dopo una giornata passata a Sderot.
Mentre ieri mi trovavo là, sono caduti una ventina di missili, uno a poche cetinania di metri dai miei piedi; ho parlato, fra gli altri, con un bambino che per cinque volte si è trovato a dieci metri dal cratere o dall'esplosione mentre l'evento era in corso, la casa accanto alla sua è completamente distrutta, nel giardino della scuola si era arrampicato insieme a un amico su un albero che è stato colpito. In ognuna delle cinque volte che mi ha descritto (ora ne farò un pezzo) descriveva né più né meno che la vita di un bambino nella sua semplicità e nella sua complessità. Laddove dovrebbe esserci costruzione, a scuola, a casa, in bicicletta, al gioco del calcio, invece c'è stata distruzione: in ogni circostanza un missile ha interrotto con un boato la definizione stessa della crescita di Rasiel Sassun, 13 anni, con schegge che gli ferivano la carne, con trauma psichici per cui la madre mi ha raccontato che il bambino è in cura e che ogni volta che cade un missile deve ricominciare tutto da capo. La città è ormai semiabbandonata, piena solo di storie di morti feriti e di distruzione.
Nessuno nel mondo se ne accorge e Israele non si decide a rispondere. Mi accingo a scrivere un pezzo, ma ieri tornando, invece, pensavo che sarebbe meglio raccontare con la storia di Sderot la parabola della civiltà occidentale: un mondo colpito incessantemente dal fuoco nemico, che potrebbe facilmente porvi fine, che invece a causa di una serie di motivi, tutti molto ragionevaoli, lascia passare giorno dopo giorno senza fare nulla, o facendo il minimo indispensabile, e comunque qualcosa che non ferma l'attacco. Perché? Soprattutto per paura dell'opinione degli altri e dell'ideologia corrente in cui è proibito reagire con decisione contro i terroristi. E, alla fine, a Sderot e poi a Ashkelon e poi in Israele e poi nel nostro intero mondo.............non rimase nessuno.

Per commentare questo articolo di Fiamma Nirenstein cliccare sul link sottostante

http://www.fiammanirenstein.com/scrivicommento.asp?IdArticolo=1890

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT