giovedi` 26 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
20.10.2020 Germania, breve storia della delazione dalla Gestapo alla Stasi e oltre
Commento di Roberto Giardina

Testata: Italia Oggi
Data: 20 ottobre 2020
Pagina: 17
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Denuncia facile dei coinquilini»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 20/10/2020, a pag.17 con il titolo "Denuncia facile dei coinquilini" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

The Berlin court agrees with the bars: no stop at 11pm - L'Unione Sarda.it

La polizia può piombarmi in casa e controllare con quanti sono a tavola, e sono, parenti o amici? Il presidente del consiglio Conte e il ministro alla sanità, Roberto Speranza, credevano di sì, per bloccare i contagi del Covid. Poi hanno cambiato idea, forse consigliati dal presidente Mattarella che la Costituzione la conosce, comunque era grave solo averci pensato, sia pure per il nostro bene. Gli italiani fanno paragoni con la Ddr, la ex Germania comunista e la Stasi, la polizia segreta del regime, che controllava tutto e tutti. La Gestapo rossa aveva oltre 400mila confidenti, praticamente quasi uno per famiglia. Di là del Muro ho vissuto per mesi in albergo, a Berlino e altrove. Un giorno a Karl-Marx-Stadt, difficile trovare una città più rossa, mi perquisirono la camera e sequestrarono tutti i ritagli di giornali occidentali, che era vietato leggere nella Germania comunista. Ma la Stasi fu cortese, e un funzionario si scusò: era stata la cameriera che aveva messo in ordine la scrivania. «Sei disordinato compagno», mi rimproverò. Ed è vero. Lo avranno scritto nel mio dossier. La mia camera al Palast Hotel a Berlino Est dove rimasi per mesi prima che cadesse il muro, nella stanza 8684 se non ricordo male, era piena di cimici, io non ero abbastanza importante per essere sorvegliato da telecamere. Se mi hanno ascoltato, si sono sicuramente annoiati. Comunque avranno registrato poche conversazioni, il telefono di rado funzionava. Ma oggi, nella Germania unificata di Frau Merkel, la polizia può fare irruzione nel mio appartamento? Me lo hanno chiesto amici italiani, e ho risposto di no. Mi sbaglio, mi corregge Benjamin Jendro, portavoce del sindacato della polizia berlinese. Se qualche vicino ha dei sospetti e mi denuncia, secondo lui, i Polizisten potrebbero fare irruzione, come è sempre stato legittimo per evitare un reato. Jendro è d'accordo con il sindaco Michael Müller, socialdemocratico, che governa con i verdi e la Linke, il partito dell'estrema sinistra. Non è giusto sospettare che il borgomastro sia un nostalgico del comunismo, oppure commentare che i tedeschi nell'animo rimangono sempre nazisti. Semplicemente, la giunta rosso-rosso-verde secondo un sondaggio è la meno affidabile del paese. Müller è stato l'ultimo a applicare le misure di sicurezza, per lui fino a aprile la mascherina non era obbligatoria, e consentiva riunioni fino a 500 persone. Sempre incerto, ora esagera nell'altro senso. D suo collega, il cristianodemocratico Armin Laschet, premier della Nord Renania Westfalia, è indignato: la casa è sacra, la polizia non può violarla senza un mandato, assicura. Lo garantisce anche Frau Merkel, che è cresciuta nella Ddr. La Germania è una Repubblica federale, e i 16 Länder, le regioni non sono d'accordo quasi su nulla, quasi come in Italia. Herr Benjamin ha ragione. La polizia può buttar giù la porta per impedire un reato. Ma io sarei un criminale se invitassi a cena i miei due fratelli con le mie cognate, e i miei due figli? Saremmo già in troppi. In ogni caso la Polizei prussiana non è quella romana. Se a Berlino il vicino fa chiasso di notte, e io la chiamo, la polizia arriva. Ammonisce il fracassone, la seconda volta lo multa, se insiste rischia qualche giorno di prigione. A Roma, al centralino si mettono a ridere: abbiamo altro da fare, se vuoi vivere al centro affari tuoi. Ma d'estate non si dorme neanche in periferia. Non resta che traslocare. Speranza si affidava alle denunce dei vicini. Sulla delazione, sullo spionaggio.A Berlino i coinquilini ti denunciano se sgarri. Per loro è un dovere civile. In cortile ho una dozzina di bidoni per la spazzatura, si distingue tra la carta dei giornali e quella per l'imballaggio, tra le bottiglie di vetro, bianco, verde, marrone, e così via. Se non stai attento, ti correggono. Se non ti ravvedi avvertono la M la polizia della spazzatura, esiste per davvero, e rischi una multa. Se un vicino, un semplice impiegato, un giorno parcheggia sotto casa una Ferrari o una Porsche, avvertono il Finanzamt, l'ufficio delle imposte. E riscuotono una taglia, se hanno fatto beccare un evasore. Serve anche a controllare chi delinque, spaccia droga, gestisce la tratta delle bianche, o ruba in giro. I tedeschi tutti Spionen? O probi cittadini? La presunta dittatura sanitaria all'italiana forse non avrebbe debellato il Covid ma garantito la quiete notturna. Sarebbe bastato denunciare il vicino: suona la batteria a mezzanotte senza mascherina.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT