domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
19.12.2019 Chi è Nibras Asfa, la sardina velata che vuole la distruzione di Israele
Commento a firma Publius Valerius

Testata: Italia Oggi
Data: 19 dicembre 2019
Pagina: 8
Autore: Publius Valerius
Titolo: «Nibras Asfa, la sardina velatissima al palco di Roma è anche la moglie di un militante di Hamas, il movimento che vuol radere al suolo Israele»
Riprendiamo da ITALIA OGGI del 19/12/2019, a pag.8, con il titolo "Nibras Asfa, la sardina velatissima al palco di Roma è anche la moglie di un militante di Hamas, il movimento che vuol radere al suolo Israele" il commento di Publius Valerius.

Risultati immagini per Nibras
Nibras durante l'intervento

Abbiamo appreso da Open che Lorenzo Donnoli è la «sardina» che ha invitato sul palco a Roma Nibras Asfa, la cui presenza, come noto, sta facendo molto discutere, non solo perché Nibras si è presentata sul palco velatissima, ma anche e soprattutto per le posizioni politiche del marito, Sulaiman Hijazi, aperto sostenitore del gruppo terroristico palestinese Hamas. Nell'intervista ad Open e in un post pubblicato sul suo profilo Facebook, Donnoli difende a spada tratta la scelta di invitarli e sostiene che ciò per cui si battono Nibras e Sulaiman è la «causa del popolo palestinese contro l'occupazione di nuove terre che sta calpestando i diritti umani». Nel suo post su Facebook, esprime il suo amore per lo Stato di Israele, che intende difendere strenuamente perché, dice sempre Donnoli, «mi sento ebreo, mi sento israeliano». Ora, senza entrare nel merito dei cosiddetti territori occupati, su cui ci sarebbe tanto da dire (a cominciare dal fatto che, proprio a Hebron, città natale di Sulaiman Hijazi, gli ebrei rappresentano meno del 3 per cento della popolazione e non possono girare liberamente se non sotto scorta) gli argomenti usati da Donnoli indicano più che un generale preconcetto, la sua estrema ignoranza della questione di cui si sta parlando.

Risultati immagini per human shield hamas cartoon
Un ospedale di Gaza trasformato in rampa per il lancio di missili contro Israele dai terroristi di Hamas

Se avesse aperto un libro sul conflitto israelo-palestinese, avrebbe scoperto facilmente che, quando si parla di Hamas, la questione dell'occupazione e l'idea stessa di due Stati per due Popoli, non c'entra nulla. Hamas è una organizzazione islamista, apertamente votata alla jihad, che, per Statuto, non solo ha come obiettivo l'eliminazione dello Stato di Israele (che Donnoli dice di amare), ma anche quello di eliminare completamente gli ebrei dalla faccia della Terra. E badi bene: questa affermazione, caro Donnoli, non è una interpretazione personale, ma semplicemente quanto scritto nero su bianco nell'articolo 7 del suddetto Statuto di Hamas che, alla fine, riporta testualmente: «L'Ultimo Giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra o l'albero diranno: O musulmano, o servo di Allah, c'è un ebreo nascosto dietro di me — vieni e uccidilo; ma l'albero di Gharqad non lo dirà, perché è l'albero degli ebrei». E proprio per questo che Hamas, pur essendo una organizzazione sunnita, non si fa problemi a ricevere armi e soldi da chiunque abbia come obiettivo dichiarato la distruzione dello Stato di Israele, in primis dall'Iran islamista sciita, un regime teocratico, misogino e terrorista. Questo è Hamas. Hamas non è purtroppo quanto scritto da Sulaiman Hijazi nel 2014, ovvero «un partito non di estremisti e preti come viene detto in Occidente ma di persone con alto livello di studi e intelligenza». No, caro Donnoli: i miliziani di Hamas hanno usato i loro «studi e intelligenza» non al servizio della pace e della convivenza nella regione, ma al servizio della jihad islamica, non solo contro gli ebrei, ma anche contro i cristiani della Striscia di Gaza, che da anni ormai hanno quasi totalmente abbandonato l'area per paura delle repressioni interne.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT