Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Corriere della Sera Rassegna Stampa
21.02.2021 Israele, la Siria e la diplomazia del vaccino
Commento di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 21 febbraio 2021
Pagina: 15
Autore: Davide Frattini
Titolo: «La giovane liberata, le dosi di Sputnik. Uno scambio segreto tra Bibi e Assad»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 21/02/2021, a pag.15, con il titolo "La giovane liberata, le dosi di Sputnik. Uno scambio segreto tra Bibi e Assad" il commento di Davide Frattini.

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Risultato immagini per Majdal Shams
Il villaggio di Majdal Shams

Prima di uscire di casa con lo zaino in spalla e viaggiare verso le montagne a nord, ha voluto scrivere: «Non accetto le vostre linee che siano verdi o viola, sono un'eterna nomade». Così da sola ha attraversato tutti e due i colori di confine: tra la Cisgiordania e Israele, tra Israele e la Siria. La ragazza è arrivata la sera del primo febbraio nel villaggio druso di Majdal Shams sulle alture del Golan e la mattina dopo si è intrufolata in quella terra di nessuno pattugliata dai militari che in alcuni tratti resta senza reticolato o telecamere di sorveglianza. Dall'altra parte è stata arrestata dalla polizia segreta siriana, che ha capito di non aver catturato una spia ma ha anche compreso di avere tra le mani un possibile valore di scambio. È cominciata la trattativa con la mediazione dei russi, sostenitori del dittatore Bashar Assad a Damasco e allo stesso tempo in buoni rapporti con il governo di Benjamin Netanyahu. II premier ha parlato con Vladimir Putin, i suoi emissari si sono mossi, senza clamori la ragazza è stata trasferita a Mosca e venerdì è tornata a casa su un jet privato. Senza troppa pubblicità anche perché il governo ha diffuso sino a ieri solo alcune parti dell'intesa. La giovane vive nell'insediamento ultraortodosso di Modi'in Illit ed era già scappata dalla famiglia per cercare di entrare nella Striscia di Gaza e in Giordania. Per ottenerne il rilascio Israele ha accettato di commutare la pena per una drusa accusata di incitamento alla violenza e liberato due pastori siriani finiti pure loro dall'altra parte della linea d'armistizio in mezzo a quei prati dove le frontiere sembrano solo pascoli. Le indiscrezioni sul dettaglio più spinoso dell'accordo sono emerse all'estero e a quel punto la censura militare israeliana ha permesso anche ai media locali la pubblicazione delle parti secretate. Netanyahu ha consentito a pagare «milioni di dollari» — secondo il quotidiano Yedioth Ahronoth — per centinaia di migliaia di dosi del vaccino Sputnik, prodotto dai russi, da passare ad Assad. Ipotesi smentita ormai solo da Sana, l'agenzia di propaganda del regime: ha sostenuto che sarebbe un tentativo di presentare Israele «come generoso». Il primo ministro è in campagna elettorale — si vota di nuovo il 23 marzo — e avrebbe preferito che la notizia non uscisse, anche se ripete: è stata a Mosca a chiedere di non divulgarla.

Teme di essere attaccato dai partiti che gli fanno concorrenza a destra per aver ceduto e aver acquistato i vaccini da dare al nemico. Cerca di schivare gli attacchi in anticipo e precisa: «Nessuna fiala delle nostre scorte è stata trasferita alla Siria». Il Paese è tra i primi nella corsa globale all'immunizzazione e oltre 4,2 milioni di persone (su 9,3) hanno ricevuto almeno la prima dose, il ministero della Sanità starebbe già immagazzinando altri rifornimenti. Haaretz, il quotidiano della sinistra, riconosce a Netanyahu che la grande esperienza diplomatica e i rapporti personali con i leader internazionali (in questo caso Putin) hanno portato a questo successo umanitario. Allo stesso tempo l'editorialista Amos Harel fa notare: «In questi anni non è riuscito a ottenere da Hamas la liberazione dei due civili prigionieri a Gaza e la restituzione dei resti di due soldati uccisi durante la guerra dell'estate 2014. È inevitabile che la questione dei vaccini entri nei negoziati con Hamas ed è probabile che coinvolga anche l'Autorità palestinese. Fino ad ora poche migliaia di dosi sono state distribuite a Gaza o in Cisgiordania e non sono mai arrivate dalle scorte israeliane». Il governo Netanyahu avrebbe per ora accettato di inoculare 100 mila palestinesi che vengono a lavorare in Israele. I medici e gli scienziati al ministero della Sanità spingono per superare lo stallo politico-diplomatico e propongono di coordinare le operazioni di immunizzazione: «Viviamo in uno spazio condiviso, la diffusione del Covid-19 tra gli arabi rischia di ridurre l'efficacia della nostra campagna vaccinale».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui