sabato 08 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
21.05.2020 Abdul Nasser Qardash: eliminato il successore di Al Baghdadi in Iraq?
Cronaca di Marta Serafini

Testata: Corriere della Sera
Data: 21 maggio 2020
Pagina: 25
Autore: Marta Serafini
Titolo: «Nuove voci dall'Iraq: 'Preso il capo dell'Isis'»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 21/05/2020, a pag.25, con il titolo "Nuove voci dall'Iraq: 'Preso il capo dell'Isis' ", la cronaca di Marta Serafini.

Immagine correlata
Marta Serafini

Isis, i Servizi iracheni: «Arrestato Qardash, il successore di Al ...
Abdul Nasser Qardash, Abu Bakr Al Baghdadi

La voce è tutta da confermare e rimbalzava già da qualche giorno. Il leader dell'Isis Abdul Nasser Qardash, tra i candidati alla successione di Abu Bakr Al Baghdadi, ucciso a fine ottobre nel Nord della Siria, sarebbe stato catturato dall'intelligence irachena. A darne notizia sono i media iracheni e Al Arabiya. In alcuni casi Qardash viene descritto come nuovo leader dell'Isis, confondendolo con Al Qurashi, attuale leader dell'Isis. Qurashi, invece, è un turkmeno iracheno ed è nato a Tal Afar, in Iraq. Prima di entrare a far parte dell'Isis, era maggiore generale dell'esercito di Saddam Hussein. Qurashi è stato incarcerato nel 2003-2004 a Camp Bucca dove sarebbe entrato in contatto con Al Baghdadi anche lui prigioniero delle forze statunitensi nello stesso periodo. Una volta diventato adepto dello Stato islamico, si è distinto nella tortura e nell'uccisione di esponenti della minoranza yazida e ha supervisionato la selezione di attentatori suicidi e lo svolgimento di operazioni suicide.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT