martedi` 31 marzo 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Bernie Sanders contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
24.02.2020 Iran, il record negativo di affluenza alle urne è una sconfitta per il regime degli ayatollah
Commento di Viviana Mazza

Testata: Corriere della Sera
Data: 24 febbraio 2020
Pagina: 34
Autore: Viviana Mazza
Titolo: «Iran, bassa affluenza. I conservatori all'attacco»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 24/02/2020, a pag.34, con il titolo "Iran, bassa affluenza. I conservatori all'attacco", il commento di Viviana Mazza.

Bene fa Viviana Mazza a sottolineare l'esito delle elezioni farsa iraniane: la più bassa partecipazione al voto di sempre chiarisce il pensiero di molti sudditi del regime degli ayatollah nei confronti della dittatura feroce di Teheran.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per viviana mazza
Viviana Mazza

Risultato immagini per iran vote

E' arrivato il dato ufficiale dell'affluenza alle elezioni parlamentari in Iran: 42,5%, il più basso nella storia della Repubblica Islamica. A Teheran solo il 25,4%, un elettore su quattro, è andato alle urne, e l'ex sindaco conservatore Mohammad Bager Qalibaf ha preso quasi tutti i voti 0.265.000 su 1.841.000). La vittoria dei conservatori era scontata, per via della squalifica di molti candidati riformisti e dell'astensione della classe media urbana. Ma la partecipazione popolare è un importante test della legittimità della Repubblica Islamica, e così l'affluenza era diventata la vera partita. Ora la Guida Suprema Ali Khamenei dà la colpa alla propaganda dei media stranieri: «Hanno usato ogni opportunità per scoraggiare la gente, anche con la scusa di malattie e virus». La psicosi del coronavirus è stata in effetti una protagonista delle elezioni. A partire da mercoledì, dopo settimane di smentite, l'Iran si è scoperto il Paese più colpito del Medio Oriente, con 8 morti e 43 contagi dichiarati finora dalle autorità. Un ex deputato suggerisce di guardare all'interno — alla fiducia degli iraniani intaccata dalla mancanza di trasparenza, per esempio nell'ammissione tardiva dell'abbattimento dell'aereo ucraino a gennaio — per capire anche l'astensione. «Non dobbiamo nascondere le cose se vogliamo mantenere la fiducia del popolo», dice il riformista Mahmoud Sadeghi, che non ha potuto ricandidarsi perché squalificato dal Consiglio dei Guardiani, ma è andato comunque a votare. «In Iran tante cose prendono un colore politico, anche il coronavirus», ci ha detto. «Sembra che le autorità volessero evitare le preoccupazioni nella società in questi giorni di elezioni...». Vuol dire che sapevano da tempo dei contagi e non l'hanno detto? «Il problema è che anche io che sono deputato non lo so».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT