Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Corriere della Sera Rassegna Stampa
11.02.2020 Sito neonazista, 24 condanne: 'Incitamento all'odio'
Cronaca di Fulvio Fiano

Testata: Corriere della Sera
Data: 11 febbraio 2020
Pagina: 8
Autore: Fulvio Fiano
Titolo: «Sito neonazista, 24 condanne: 'Incitamento all'odio'»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 11/02/2020, con il titolo "Sito neonazista, 24 condanne: 'Incitamento all'odio' " il commento di Fulvio Fiano.

Risultato immagini per stormfront
Bandiere naziste e armi in uno dei covi di Stormfront

Dagli insulti alle diffamazioni, fino alle minacce e alla teorizzazione di «azioni» contro «negri» “ebreo”, «zingari», sfogliando le pagine di un manuale di ispirazione neonazista che guidava anche alla costruzione di ordigni. Gli utenti del forum «Stormfront», hanno sancito ieri nella sentenza dei giudici di primo grado, erano parte di una associazione a delinquere finalizzata all'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali ed etnici, mediante la diffusione di idee fondate sulla superiorità della razza bianca. In nome di questa, prendevano di mira chi, a loro dire, visi opponesse: membri della Comunità ebraica, scrittori come Roberto Saviano, giornalisti, giudici, e politici come l'ex sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, e l'ex ministro per l'accoglienza Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant'Egidio, accusati di favorire «l'invasione» di immigrati. In 24 sono stati condannati a oltre 39 anni di carcere totali (la procura ne aveva chiesti quasi 50). Vengono da tutt’Italia e hanno fra 130 e i 50 anni. I quattro promotori del sito, attivo fino al 2012, sono stati già giudicati colpevoli in Cassazione. Al di là delle singole posizioni, come sottolinea anche la Polizia postale,«è la prima vera condanna per la diffusione dell'odio razziale attraverso la rete».La condanna più alta, tre anni e dieci mesi, è stata inflitta a Maurizio Prato, torinese oggi 30enne, interdetto per cinque anni dai pubblici uffici come pena aggiuntiva assieme ad altri quattro imputati. Le perquisizioni effettuate all'epoca avevano portato al sequestro di libri, bandiere, manifesti con la svastica e simboli nazisti, ma anche coltelli ed altre armi.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 0262821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui