sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
31.12.2019 Identikit di Grafton Thomas, l'attentatore di Monsey
Commento di Guido Olimpio

Testata: Corriere della Sera
Data: 31 dicembre 2019
Pagina: 12
Autore: Guido Olimpio
Titolo: «Attacco con il machete, l'aggressore inneggiava al nazismo»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 31/12/2019, a pag.12 con il titolo "Attacco con il machete, l'aggressore inneggiava al nazismo" il commento di Guido Olimpio.

Immagine correlata
Guido Olimpio

Risultati immagini per Grafton Thomas
Grafton Thomas

Grafton Thomas, responsabile dell'attentato contro la comunitÓ ebraica di Monsey, aveva scritto testi inneggianti al nazismo e ad Hitler. Le perquisizioni hanno permesso di trovare propaganda antisemita e materiale piuttosto evidente sulle idee estreme dell'afro-americano di 37 anni. Inoltre nel telefonino c'erano ricerche sul leader del Terzo Reich e su centri religiosi ebraici della regione, forse una sorta di indagine su possibili obiettivi. Interessante anche un possibile riferimento alla micro-setta degli Black Hebrew Israelite: due seguaci usciti da questo gruppo sono stati i protagonisti della strage in un negozio kosher del New Jersey. C'Ŕ un legame? Diverso il profilo descritto da familiari e amici. Un religioso, che lo conosce da tempo, ha abbozzato una difesa: Thomas soffre di schizofrenia, Ŕ stato ricoverato pi¨ volte a causa dei problemi psichici. Era stato anche fermato per aver colpito un cavallo della polizia. Il dettaglio, per˛, non esclude l'attrazione per le teorie radicali, magari coltivate in modo confuso. Infatti l'uomo non ha preso di mira dei passanti a caso, ma si Ŕ introdotto all'interno della casa del rabbino. Dunque un obiettivo preciso. E non Ŕ stato escluso un coinvolgimento sempre di Thomas in un'altra aggressione avvenuta qualche giorno prima. I tratti dell'aggressore — accusato di crimine d'odio —rientrano nelle infinite minacce di quest'epoca. Non bisogna avere il sigillo del militante per macchiarsi di delitti a sfondo razziale. E peraltro evidente che i luoghi di culto di qualsiasi confessione sono bersagli diffusi. Ieri in Texas un killer ha sparato all'interno di una chiesa — due i morti — prima di essere ucciso dalle guardie private. L'omicida sarebbe un vagabondo con precedenti. Insieme al dolore per le vite perdute c'Ŕ la soddisfazione di molti per la reazione di chi era nel tempio: diversi fedeli erano armati ed un ex agente fbi, responsabile della sicurezza interna, ha neutralizzato la minaccia in pochi secondi. La legge texana lo consente.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT