giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
16.11.2019 Le Carrè attacca Corbyn: è antisemita. Appello a non votare più laburista
Cronaca di Luigi Ippolito

Testata: Corriere della Sera
Data: 16 novembre 2019
Pagina: 19
Autore: Luigi Ippolito
Titolo: «Le Carrè attacca Corbyn»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 16/11/2019, a pag.19, con il titolo "Le Carrè attacca Corbyn" la cronaca di Luigi Ippolito.


Risultati immagini per corbyn antisemita
Corbyn con i suoi amici di Hamas
Risultati immagini per le carrè against corbyn
John Le Carrè


Risultati immagini per luigi ippolito corriere della sera
Luigi Ippolito


Forse è più abituato a districarsi nel mondo delle spie, dei tradimenti e delle ombre: ma quando sente odore di antisemitismo, John le Carré è in grado di riconoscerlo a prima vista. Ed è per questo che il più celebre autore contemporaneo di spy story si è messo alla testa di un gruppo di intellettuali e personaggi pubblici britannici per scrivere una lettera aperta in cul denuncia l'ostilita antiebraica che alligna nel partito laburista: e per chiedere quindi di non appoggiare Jeremy Corbyn alle prossime elezioni. - Il voto di dicembre, si legge nell'appello, «contiene per ogni ebreo britannico una particolare angoscia: la prospettiva di un primo ministro radicato nell'associazione con l'antisemitismo». Infatti, ricorda la lettera, con Corbyn il partito laburista è finito sotto inchiesta, da parte della Commissione per i diritti umani, per «razzismo istituzionalizzato» contro gli ebrei e diversi deputati del partito di origine ebraica si sono visti costretti a stracciare la tessera perché si sentivano ostracizzati. Le Carré e i suoi compagni insistono che «il pregiudizio antiebraico non può essere il prezzo da pagare per un governo laburista» e che queste considerazioni non debbono passare in secondo piano rispetto alla Brexit. «Noi ci rifiutiamo di votare per il Labour il 12 dicembre», concludono gli autori, fra i quali si contano diversi storici, l'attrice Joanna Lumley, il fondatore di Wlkipedia Jimmy Wales, ma anche vari esponenti musulmani, come il fondatore di «Tell Mama», il gruppo che si batte contro l'islamofobia, e il presidente di «Musulmani contro l'antisemitismo».
La risposta dei laburisti è stata particolarmente stizzita: «E straordinario — ha detto un portavoce — che molti di quei firmatari siano stati a loro volta accusati di antisemitismo, islamofobia e misoginia. Noi prendiamo le accuse di antisemitismo molto seriamente e siamo impegnati a sradicarlo dal partito e dalla società». Ma la polemica sull'atteggiamento antiebraico del Labour, che va avanti da oltre un anno, non è destinata a sgonfiarsi: e va a sommarsi a una serie di altre difficoltà per il partito di Corbyn, la cui popolarità personale è scesa sottoterra, a livelli senza precedenti per un leader dell'opposizione. Per di più il giorno stesso del lancio della campagna elettorale il vice leader Tom Watson — un moderato — si è dimesso clamorosamente, mentre nei giorni successivi una serie di figure di spicco vicine al partito hanno esortato a non votare più per i laburisti, ormai in mano ai marxisti radicali corbyniani.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare:02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT