sabato 07 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
21.07.2019 Troppi condizionali non fanno bene alla salute dell'informazione
Come nella cronaca di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 21 luglio 2019
Pagina: 15
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Il software che 'buca' Whatsapp si vanta di spiare tutte le Big Tech»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 21/07/2019, a pag.15 con il titolo "Il software che 'buca' Whatsapp si vanta di spiare tutte le Big Tech" una cronaca di Davide Frattini

Immagine correlata
Shalev Hulio, Omri Lavie

Fantasciena o realtà? probabile la seconda, anche se lascia stupiti il conteggio dei 'tanti' bicchieri di vino che i due fondatori  avrebbero bevuto  ecc. Ci stupiamo anche per l'uso del condizionale, che lo stesso  Frattini usa in " Gli attivisti per i diritti umani li accusano di aver venduto il discendente di quel progenitore informatico ai regimi autoritari del Golfo – sarebbe stato usato per spiare Jamal Khashoggi..."Diffidare delle notizie al condizionale è una buona abitudine, perchè  non essendo verificabili sono soltanto delle ipotesi che non fanno bene alla correttezza dell'informazione.

Risultati immagini per davide frattini giornalista
Davide Frattini

Gerusalemme- Hanno fondato la prima società dopo aver bevuto (tanti) bicchieri di vino in un bar di Haifa, la città dove sono cresciuti. Non ha funzionato e un anno dopo (il 2008) hanno cercato di scovare un altro filone nella corsa all’oro digitale: i telefonini erano ormai nelle mani di tutti, pochi sapevano maneggiarli quando si incriccavano. Shalev e Omri pensano a una soluzione semplice, utile e — all’inizio — innocua: inviare un collegamento ai cellulari per permettere ai loro tecnici davanti al computer tra le colline della Galilea di intervenire da remoto per aiutare gli utenti sperduti nei misteri tecnologici. Loro stessi ammettono di non aver capito le potenzialità del sistema — ha ricostruito Ronen Bergman, esperto di intelligence che scrive per il quotidiano Yedioth Ahronoth — fino a quando non sono stati contattati da un agente di un servizio segreto europeo. Con una proposta: perché non lo sviluppate per raccogliere informazioni? Adesso Shalev Hulio e Omri Lavie sono i proprietari – se lo sono ricomprato lo scorso febbraio, valore un miliardo di dollari – del gruppo israeliano Nso. Gli attivisti per i diritti umani li accusano di aver venduto il discendente di quel progenitore informatico ai regimi autoritari del Golfo – sarebbe stato usato per spiare Jamal Khashoggi, il giornalista dissidente ucciso nell’ottobre del 2018 dentro al consolato saudita a Istanbul – o a governi come quello messicano che con il codice pirata ha raccolto dati su oppositori e reporter investigativi. Il prodotto più venduto dall’Nso si chiama Pegasus ed è in grado di sfruttare una falla di WhatsApp per prendere il controllo di qualunque cellulare, come è stato scoperto in maggio. Da allora gli ingegneri di WhatsApp hanno fornito le contromisure al miliardo e mezzo di persone che lo usa ogni mese. Ma il catalogo del gruppo Nso – rivela il Financial Times – esalta i livelli di infiltrazione ancora più invasivi resi possibili da Pegasus. Il quotidiano britannico scrive di aver ottenuto le offerte fatte circolare tra i possibili acquirenti: il software riuscirebbe a penetrare fin nella nuvola virtuale (il cloud) dove i server di Facebook, Apple, Microsoft, Google, Amazon archiviano i dati degli utenti: foto, messaggi salvati, la cronologia della posizione. Mentre i tecnici della Silicon Valley stanno verificando la tenuta difensiva dei loro mega-computer (e per ora spiegano di non aver individuato buchi), i portavoce dell’Nso smentiscono di aver pubblicizzato tecnologie per la sorveglianza di massa che possano entrare nei cloud privati.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


https://www.corriere.it/scrivi/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT