lunedi` 22 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
18.06.2019 Québec, sì alla legge sulla laicità
Commento di Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 18 giugno 2019
Pagina: 15
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «Legge sulla laicità Cambia il Québec multiculturale»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 18/06/2019. a pag.15, con il titolo "Legge sulla laicità Cambia il Québec multiculturale" il commento di Stefano Montefiori.

Immagine correlataImmagine correlata
Stefano Montefiori

Nella notte di domenica il parlamento della provincia francofona del Québec ha approvato una «legge sulla laicità» che rompe il modello multiculturale fissato in Canada dalla carta costituzionale del 1982, e che importa in Nordamerica la battaglia francese contro l’ostentazione dei simboli religiosi nello spazio pubblico. In base alla nuova legge i funzionari pubblici in Québec, per esempio i giudici, i poliziotti, gli agenti penitenziari, gli insegnanti, non potranno portare segni religiosi visibili nell’esercizio delle loro funzioni: niente velo islamico, o turbante dei sikh, per esempio. È una svolta che apre a possibili conflitti costituzionali con lo Stato federale canadese, e in prospettiva a un rilancio della «questione nazionale» del Québec con l’ipotesi di un nuovo referendum per l’indipendenza a partire dal 2022.

Immagine correlata

Il modello multiculturale anglosassone lascia libertà di espressione e manifestazione religiosa anche in pubblico ai cittadini di qualsiasi etnia e confessione, ai quali non viene chiesto di conformarsi a un modello dominante di «cittadino canadese». Secondo i detrattori, questo lascia spazio al comunitarismo, ossia allo sviluppo separato in comunità distinte, negando uno spazio comune a tutti i cittadini al di là delle appartenenze religiose. Il modello assimilazionista francese negli ultimi anni ha fatto della difesa della laicità il suo strumento d’elezione, con le leggi che proibiscono il velo nelle scuole e il burqa nelle strade. Esulta il sociologo canadese Mathieu Bock-Côté (nella foto), che si è battuto per la legge ed è molto popolare in Québec e in Francia grazie ai suoi interventi sul Journal de Montréal e sul Figaro (ed è autore di un saggio contro l’«Impero del politicamente corretto»). «Si tratta di un momento storico — scrive Bock-Côté —. Il popolo del Québec riafferma il diritto a definire il proprio modello di integrazione, radicato nella sua identità fondatrice e normativa». Il Québec è da domenica ancora più vicino alla Francia, e più lontano dal Nordamerica.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


https://www.corriere.it/scrivi/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT