giovedi` 19 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
13.06.2019 La Polonia esulta contro Israele: 'E' un pogrom!' Se non è antisemitismo questo...
Commento di Paolo Salom

Testata: Corriere della Sera
Data: 13 giugno 2019
Pagina: 13
Autore: Paolo Salom
Titolo: «Polonia-Israele, se la partita è un 'pogrom' senza scandalo»

Riprendiamo oggi, 13/06/2019, dal CORRIERE della SERA, a pag. 13, con il titolo "Polonia-Israele, se la partita è un 'pogrom' senza scandalo", il commento di Paolo Salom.

La parola "pogrom" è russa, ma in Polonia - un Paese in cui l'antisemitismo di matrice cattolica è ancora egemone - viene usata volentieri. Proprio in Polonia, che nei confronti di tutto ciò che ricorda URSS/RUSSIA non suscita simpatia. Fa eccezione Pogrom.Se non è antisemitismo questo...

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per Paolo Salom
Paolo Salom

Risultati immagini per poland israel  pogrom football
Il post della Federcalcio polacca per festeggiare la vittoria contro la squadra israeliana: "E' già un pogrom!"

Immagine correlata
La sepoltura degli ebrei assassinati da civili polacchi a Kielce, durante un vero pogrom, il 4 luglio 1946

Quattro a zero. Una sconfitta secca quella subita dalla nazionale di Israele contro la Polonia a Varsavia, nel corso di una partita valevole per le qualificazioni agli Europei del 2020. Ma, più del risultato, a bruciare è stata la parola utilizzata dalla Federcalcio polacca, sulla propria pagina Facebook, per festeggiare la vittoria: «È stato un pogrom!». Ora, la parola «pogrom» viene dal russo, significa «distruzione, devastazione» ed è entrata nel lessico comune a partire dai primi anni del Novecento a indicare i sanguinosi attacchi da parte dell’esercito zarista contro le comunità ebraiche locali, accusate di ogni possibile «cospirazione» contro l’impero. Jakub Kwiatkowski, portavoce della Federcalcio polacca, si è giustificato dicendo che il termine pogrom è usato «normalmente» nel mondo del calcio, e dunque non c’era alcun intento «offensivo». Non solo, dopo le critiche da parte dei media israeliani, ovviamente sorpresi dall’atteggiamento degli ospiti, si è scatenata una polemica ancor più accesa sui social: per molti utenti polacchi non c’era alcun motivo di risentirsi, perché «pogrom è una nostra parola, l’abbiamo sempre usata». Frasi poi condite con ben altri commenti, i più cortesi riferiti alla «pervicace suscettibilità» degli ebrei «dopo tutto questo tempo». E forse il problema è proprio la «pervicace normalità» di quella terribile parola, in quella parte d’Europa, nonostante la Shoah.

 

 

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare: 02/ 62821 oppure cliccare sulla e-mail sottostante


https://www.corriere.it/scrivi/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT