giovedi` 20 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
14.04.2019 Islam contro gli ebrei: la Francia scopre l'acqua calda, non è follia ma antisemitismo
La cronaca di Stefano Montefiori aiuta a capire

Testata: Corriere della Sera
Data: 14 aprile 2019
Pagina: 15
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «L'assassino di Sarah non era pazzo ma antisemita: processatelo»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 14/04/2019. a pag.15, con il titolo "L'assassino di Sarah non era pazzo ma antisemita: processatelo" la cronaca di Stefano Montefiori

Immagine correlata

Leggere con attenzione il pezzo di Stefano Montefiori per capire in quale clima vivono gli ebrei in Francia. Ci chiediamo come sia stato possibile che una donna ebrea, Sarah Halimi, potesse abitare in un condominio i cui è possibile essere assassinati al grido di Allah UAkbar, in una Francia che esita a definire assassino il criminale preferendo catalogarlo come 'malato di mente', un paese dove per ristabilire un minimo senso di giustizia si sono dovuti mobilitare 39 intellettuali.
La Francia è ormai un paese dove è l'islam a dettare legge. Cambiare città o quartiere non risolverà il problema, è solo questione di tempo.
Ci chiediamo se il CRIF, l'organizzazione nazionale degli ebrei francesi, abbia ancora una qualche funzione.

Immagine correlata
alcuni intellò dei 39

Ecco il pezzo di Stefano Montefiori:

Immagine correlata
Stefano Montefiori

Nella notte fra il 13 e il 14 aprile 2017, a Parigi, Sarah Halimi, ebrea di 65 anni, fu sorpresa nel sonno in casa e aggredita da uno dei suoi vicini, Kobili Traoré, musulmano di 27 anni originario del Mali, al grido di «Allah Akbar». L'uomo la massacrò di botte e la gettò dalla finestra del terzo piano giù nel cortile, nel quartiere di Belleville, a lungo simbolo della convivenza multiculturale. «Ho ucciso il diavolo!», esultò l'assassino. Per entrare nell'appartamento della vittima, Traoré era passato dal piano di sotto, dalla casa della famiglia Diarra che, musulmana, venne risparmiata. I Diarra chiamarono immediatamente la polizia, gli agenti arrivarono in fretta ma preferirono attendere i rinforzi pensando di avere a che fare con un attacco terroristico. Per venti minuti il palazzo udì le botte, gli insulti, e i versetti coranici dell'assassino, e i lamenti della vittima, che nei giorni precedenti era stata insultata dalla famiglia Traoré perché ebrea. Ora una terza perizia sullo stato mentale di Traoré propende per l'irresponsabilità penale dell'assassino, che sarebbe stato in preda ad allucinazioni provocate dalla marijuana. Trentanove intellettuali, tra i quali Alain Finkielkraut e Elisabeth Badinter, chiedono quel che parrebbe ovvio, e cioè che Kobili Traoré venga almeno sottoposto a processo. II sospetto è che l'alibi psichiatrico venga invocato per negare, ormai con troppa facilità, il carattere antisemita e islamista di un fatto di sangue.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure  cliccare sulla e-mail sottostante


https://www.corriere.it/scrivi/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT