venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
08.08.2018 Minaccia iraniana sul Mar Rosso
Analisi di Guido Olimpio

Testata: Corriere della Sera
Data: 08 agosto 2018
Pagina: 14
Autore: Guido Olimpio
Titolo: «Cargo, manovre, aerei spia. Il duello tra Teheran e Israele ora si sposta nel Mar Rosso»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 08/08/2018, a pag. 14, con il titolo "Cargo, manovre, aerei spia. Il duello tra Teheran e Israele ora si sposta nel Mar Rosso", l'analisi di Guido Olimpio.

Immagine correlata
Guido Olimpio

C’è una nave, in apparenza un innocente cargo, in mezzo al Risiko che oppone Usa, Israele, regimi del Golfo e l’Iran. La Saviz è da mesi nelle acque del Mar Rosso, a nord di Bab el Mandeb. È stata segnalata, fotografata e monitorata dall’intelligence, ma anche dagli esperti che hanno sfruttato al meglio le fonti aperte garantite dal web. In passato i sauditi l’hanno accusata di aver trasferito armi agli insorti sciiti dello Yemen, gli Houti, avversari della coalizione guidata da Riad. Più di recente è stata sospettata di aver assistito gli insorti in un presunto attacco condotto contro una petroliera dell’Arabia Saudita. Episodio controverso che tuttavia ha spinto la monarchia sunnita a lanciare l’allarme sui rischi per una rotta commerciale primaria. È possibile — ha scritto l’esperto H.I. Sutton — che la Saviz si tenga in queste acque con compiti di spionaggio. Tiene d’occhio il traffico marittimo, fornisce dritte ai ribelli yemeniti protagonisti in passato di azioni clamorose, con l’uso di missili e imbarcazioni riempite d’esplosivo. Colpi contro la flottiglia schierata da Arabia ed Emirati, scontro impari — viste le forze impiegate — ma che ha riservato brutte sorprese per l’alleanza messa in piedi da Riad. Non poche le perdite tra i militari, però più alte quelle dei civili yemeniti, vittime del conflitto falciate a migliaia dalle bombe.

C’è una nave, in apparenza un innocente cargo, in mezzo al Risiko che oppone Usa, Israele, regimi del Golfo e l’Iran. La Saviz è da mesi nelle acque del Mar Rosso, a nord di Bab el Mandeb. È stata segnalata, fotografata e monitorata dall’intelligence, ma anche dagli esperti che hanno sfruttato al meglio le fonti aperte garantite dal web. In passato i sauditi l’hanno accusata di aver trasferito armi agli insorti sciiti dello Yemen, gli Houti, avversari della coalizione guidata da Riad. Più di recente è stata sospettata di aver assistito gli insorti in un presunto attacco condotto contro una petroliera dell’Arabia Saudita. Episodio controverso che tuttavia ha spinto la monarchia sunnita a lanciare l’allarme sui rischi per una rotta commerciale primaria. È possibile — ha scritto l’esperto H.I. Sutton — che la Saviz si tenga in queste acque con compiti di spionaggio. Tiene d’occhio il traffico marittimo, fornisce dritte ai ribelli yemeniti protagonisti in passato di azioni clamorose, con l’uso di missili e imbarcazioni riempite d’esplosivo. Colpi contro la flottiglia schierata da Arabia ed Emirati, scontro impari — viste le forze impiegate — ma che ha riservato brutte sorprese per l’alleanza messa in piedi da Riad. Non poche le perdite tra i militari, però più alte quelle dei civili yemeniti, vittime del conflitto falciate a migliaia dalle bombe.

Risultati immagini per Bab el Mandeb

Sempre la Saviz potrebbe spiare lo scalo di Assab, in Eritrea. Dal 2015 ospita una base importante degli Emirati, una piattaforma dal quale partono missioni militari nello Yemen. Il porto, insieme a quello somalo di Berbera, e a punti d’appoggi minori rappresenta una collana di installazioni messe in piedi dai militari emiratini, una strategia ambiziosa sorretta da finanziamenti importanti. C’è poi il timore del rilascio di mine navali, peraltro già presenti lungo la costa, la ripetizione di quanto avvenne a metà degli anni 80 quando numerosi ordigni furono «sganciati» sulla via d’acqua — si disse — da un finto peschereccio. Indiscrezioni sulle quali comunque pesa la propaganda di tutti i protagonisti. In questo le petro-monarchie non sono le sole a giocare. Anche Israele si è inserito. E non poteva mancare, vista la sfida prolungata con Teheran. Gli israeliani hanno le loro pedine nel Corno d’Africa e vogliono, a loro volta, bilanciare le mosse dell’Iran. Il premier Netanyahu, solo pochi giorni fa, ha ammonito che qualsiasi tentativo khomeinista di bloccare lo stretto di Bab el Mandeb provocherà una reazione internazionale alla quale Gerusalemme aderirà. Il 5 agosto, un appassionato di temi aeronautici ha rilevato lo strano volo di una formazione israeliana: 2 aerei per lo spionaggio elettronico e altrettanti velivoli da rifornimento si sono diretti verso le acque dello Yemen, quindi – dopo sei ore – sono rientrati. Non è chiara quale sia stata la loro missione, ma certamente ha suscitato interesse e illazioni. Anche perché la cornice internazionale si presta. Washington ha annunciato nuove sanzioni contro gli iraniani, presto ne seguiranno altre. I pasdaran, secondo una dialettica consolidata, hanno minacciato la chiusura di Hormuz in nome dello slogan «il petrolio è per tutti o per nessuno». Quindi hanno lasciato spazio alle evoluzioni di unità navali nel Golfo Persico proprio per rimarcare che non si faranno intimorire dalle minacce esterne. Toni alti dopo il classico gioco della carota e del bastone di Donald Trump, che ha ventilato un summit con il presidente Rouhani ma ha poi picchiato con le misure. È destino che il pendolo della crisi iraniana non si arresti mai.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT