mercoledi` 14 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
08.07.2018 Le Pen: una brutta famiglia
Commento di Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 08 luglio 2018
Pagina: 6
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «Marine Le Pen anatra zoppa, così Marion scalda i muscoli»

Riprendiamo da LETTURA-CORRIERE della SERA di oggi 08/07/2018, a pag.6, con il titolo "Marine Le Pen anatra zoppa, così Marion scalda i muscoli" il commento di Stefano Montefiori

Immagine correlata

Nonno, figlia o nipote, la dinastia dei Le Pen è una gran brutta famiglia. Bene ha fatto Montefiori a ricordare la brutta figura (incompetente, ignorante di Marine durate il confronto televisivo ), un particolare che i nostri giornaloni avevano ritenuto opportuno non citare, forse per non offendere i cugini stellati italiani, così simili in quanto a incompetenza e ignoranza.

Immagine correlata
Stefano Montefiori

Mercoledì 4 maggio 2017, duello televisivo tra i vincitori del primo turno delle presidenziali francesi, a pochi giorni dal ballottaggio previsto la domenica. Marine Le Pen affronta Emmanuel Macron, è il momento decisivo nel quale raccogliere i frutti di annidi sforzi per dare di sé e del Front National un'immagine affidabile, responsabile, «presidenziabile». E un naufragio. La figlia del fondatore Jean-Marie appare provocatoria e irridente, ma anche impreparata, inadeguata, cita dati sbagliati e si fa trattare da Macron come una studentessa che ha una gran confusione in testa. Probabilmente la domenica successiva Marine Le Pen avrebbe perso comunque e i sondaggi già la davano sfavorita, ma quella brutta figura davanti a milioni di francesi ha ipotecato il suo futuro. Oggi, oltre un anno dopo, Marine Le Pen ancora non si è ripresa dalla sconfitta e soprattutto da quel dibattito catastrofico. «Il vento della storia va nella nostra direzione», continua a ripetere, e in effetti alcuni avvenimenti sembrano darle ragione: i populisti e i sovranisti avanzano in molti Paesi d'Europa, soprattutto in Italia, dove il suo alleato al Parlamento europeo Matteo Salvini è ministro dell'Interno e uomo forte del governo. Le elezioni italiane hanno dato nuovo slancio alle idee di Marine Le Pen, ma è la sua capacità di leader a essere in discussione. Ha cambiato il nome del partito da Front National a Rassemblement National: una mossa poco incisiva perché il problema è lei, con quell'immagine rimasta legata alle sconfitte del padre, e alle sue. Sono già in corso grandi manovre per prendere il suo posto. Se la destra dei Républicains e l'estrema destra dell'Rn continueranno a presentarsi divise, hanno poche chance di successo. La giovane nipote Marion Maréchal, che ha rinunciato al cognome Le Pen, ha aperto una «scuola di politica» a Lione: vuole preparare una nuova classe dirigente, che superi le divisioni a destra e la sostenga, quando sarà il momento di sostituire la zia nella corsa all'Eliseo.

Per inviare a Lettura-Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT