mercoledi` 15 agosto 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il programma dei terroristi di Hamas: antisemitismo, distruzione di Israele e sharia (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Quali sono davvero i territori palestinesi 'occupati'? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
14.02.2018 Caso Tamimi: una non notizia
I pettegolezzi ripresi da Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 14 febbraio 2018
Pagina: 10
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Processo alla 17enne: schiaffeggiò i militari»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 14/02/2018, a pag. 10, con il titolo "Processo alla 17enne: schiaffeggiò i militari", il commento di Davide Frattini.

Sarà a marzo il processo contro Ahed Tamimi, nota provocatrice e attrice di Pallywood, l'industria di manipolazione e creazione di filmati menzogneri al solo scopo di accusare l'esercito di Israele di presunti - ma inesistenti - crimini. Nel frattempo Davide Frattini, sempre pronto a dare risalto ai pettegolezzi nei propri commenti, riprende la non-notizia, e lo fa con simpatia nei confronti dell'accusata, chiamata addirittura per nome.
Come ha dichiarato Deborah Fait da Israele, nessuno ne parla o ne scrive nello Stato ebraico. E' una non-notizia che viene rispolverata per poter accusare Israele in modo pretestuoso e fallace di crimini contro una minorenne.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per Davide Frattini
Davide Frattini

Immagine correlata
Ahed Tamimi, a sinistra, morde un soldato israeliano che non reagisce

Le proteste vanno avanti da dieci anni e perfino gli organizzatori quasi non ricordano perché siano cominciate. Quell’albero di limoni abbattuto, la sorgente d’acqua e la terra confiscate, gli alveari dati alle fiamme dagli israeliani della colonia dall’altra parte della collina. Le motivazioni possono essersi affastellate una sull’altra, la coreografia non è cambiata: ogni venerdì i palestinesi escono dalle case di Nabi Saleh in corteo, i soldati li aspettano, volano le pietre, poi i lacrimogeni, partono le cariche. Tutta l’azione è ripresa dagli attivisti internazionali e della sinistra israeliana. La più apparsa e appariscente in questi video è Ahed Tamimi: due mesi fa la madre Nariman ha diffuso in diretta Facebook l’alterco tra la ragazzina e due soldati, li prende a calci e a schiaffi. Pochi giorni dopo le donne sono state arrestate. Da allora sono in un carcere militare dove Ahed ha compiuto 17 anni: ieri era in aula per l’udienza preliminare, è accusata di aggressione. Il giudice ha ordinato il processo a porte chiuse. Riprenderà a marzo: Ahed resterà in prigione almeno fino ad allora.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT