venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
13.02.2018 Davide Frattini attacca Israele e il suo governo...
... scrivendo di 'ultradestra' e 'colonie'

Testata: Corriere della Sera
Data: 13 febbraio 2018
Pagina: 10
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Israele valuta l’annessione delle colonie»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 13/02/2018, a pag. 10, con il titolo "Israele valuta l’annessione delle colonie", il commento di Davide Frattini.

Sarebbe da elogiare la prudenza e la saggezza con cui Israele sta affrontando il pericolo iraniano, senza rispondere con attacchi a fondo alle provocazioni ma colpendo finora soltanto obiettivi mirati in modo chirurgico. Qualunque altro Stato avrebbe agito in modo molto più immediato e scomposto.

Davide Frattini, però, anziché sottolineare tutto questo preferisce attaccare Israele e il suo governo, definito di "ultradestra" e descritto come desideroso soltanto di annettere le "colonie". Un commento pieno di disinformazione e di un linguaggio ostile allo Stato ebraico.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per Davide Frattini
Davide Frattini

Il vuoto di iniziative diplomatiche per far sedere insieme gli israeliani e i palestinesi sembra riempito dall’esuberanza dell’ultradestra di lotta e di governo. Ieri il parlamento israeliano avrebbe dovuto discutere una legge per annettere le colonie in Cisgiordania. Il dibattito è stato rinviato su pressione di Benjamin Netanyahu (nella foto) anche per non «infastidire» — come ha spiegato lui — l’alleato americano. Il premier sa però di dover tranquillizzare, per garantirsi la stabilità della coalizione, i deputati e i ministri che spingono per una svolta: il suo partito Likud ha già votato qualche mese fa una mozione per sostenere «l’applicazione della legge e della sovranità israeliane in tutte le aree liberate dove sorgono insediamenti». In sostanza, l’annessione degli insediamenti e delle terre palestinesi su cui sono stati costruiti.

Immagine correlata
Benjamin Netanyahu

Così Netanyahu rassicura: «Da mesi stiamo discutendo con gli americani questa possibilità. Dobbiamo però coordinarci con loro e deve essere un’iniziativa del governo perché avrebbe una portata storica». E riesce a «infastidire» ancora di più la Casa Bianca che nega: «Tutto falso». I territori arabi sono stati catturati nella guerra del 1967. La Cisgiordania è sotto la giurisdizione militare, mentre i quasi 400 mila coloni che vivono in mezzo a oltre 3 milioni di palestinesi rispondono alle leggi civili israeliane. Le alture del Golan, conquistate ai siriani, sono state annesse nel 1981, decisione che la comunità internazionale non riconosce. Donald Trump, il presidente Usa, ha promesso «l’accordo di pace definitivo», ma nell’intervista al quotidiano Israel Hayom è sembrato scoraggiato fino ad avvertire gli israeliani («Le colonie complicano la ricerca di un’intesa») e i palestinesi: «Una follia se non cogliessero questa occasione». Netanyahu non ha mai smentito il discorso tenuto all’università Bar Ilan nel 2009 in cui accettava la soluzione dei due Stati. Ma non incontra il leader palestinese Abu Mazen dall’aprile del 2014: i negoziati più che congelati sembrano ibernati.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT