sabato 16 dicembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele: il racconto di Danny Ayalon
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La dichiarazione di Barack Obama sullo status di Gerusalemme, capitale d'Israele (cliccare sulla funzione 'sottotitoli' per inserire i sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
23.11.2017 La terrorista Leila Khaled invitata a Napoli con onore
Commento disinformante di Fabrizio Geremicca

Testata: Corriere della Sera
Data: 23 novembre 2017
Pagina: 7
Autore: Fabrizio Geremicca
Titolo: «Leila, la palestinese che dirottò due aerei ospite al Filangieri»

Riprendiamo dal CORRIERE del MEZZOGIORNO di oggi, 23/11/2017, a pag. 7, con il titolo "Leila, la palestinese che dirottò due aerei ospite al Filangieri", il commento di Fabrizio Geremicca.

L'articolo di Fabrizio Geremicca - oltre a essere scritto  in pessimo italiano - è soprattutto conciliante verso la terrorista araba palestinese Leila Khaled, definita addirittura una semplice "attivista". Un pezzo che solidarizza con i comitati anti-Israele che hanno invitato la terrorista, anche nel raccontare i suoi crimini per i quali Leila Khaled viene assolta. E' stato invitato il sindaco De Magistris, noto simpatizzante per il terrorismo palestinese,  a questo revival dell'odio.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Leila Khaled con una foto delle sue prodezze giovanili

Arriva a Napoli Leila Khaled, ex militante del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, organizzazione della sinistra radicale attiva tra gli anni Settanta e Ottanta. II 4 dicembre sarà ospite all'Asilo Filangieri, edificio di proprietà del Comune in centro storico, ma da anni gestito da un collettivo che promuove iniziative culturali, artistiche e politiche.

Il passato Presenza destinata a far discutere, quella di Khaled, che presumibilmente susciterà proteste e polemiche da parte degli esponenti della comunità israeliana in città. Leila, infatti negli anni '70 fu protagonista di atti di terrorismo fatti, nel 1969 è stata la prima donna nella storia a dirottare un aereo di linea. Era un Boeing 707 della compagnia El Al in servizio tra Los Angeles e Tel Aviv. L'episodio si concluse senza vittime. La guerrigliera si ripetè nel 1970 su un aereoplano della El Al che percorreva i cieli tra Amsterdam e New York. Intervenne un agente di sicurezza israeliano che uccise uno dei due dirottatori, il nicaraguense Arguello, ed immobilizzò la militante palestinese. Incarcerata in Inghilterra, poi rilasciata, l'attivista, che continua ad impegnarsi per la Palestina, ma ha abbandonato i metodi di lotta della sua gioventù, vive attualmente in Giordania. La sua biografia ha ispirato canzoni ed il film Leila Khaled, Hijacker (Leila Khaled, dirottatrice), diretto dalla regista palestinese Lina Makboul.

In Europa Un paio di mesi fa è stata ospite del Parlamento Europeo, tra le vibranti proteste di gruppi ed associazioni israeliani. Da alcune settimane sta girando l'Italia, su iniziativa dell'Unione democratica arabo-palestinese, ed ora arriva a Napoli per un incontro nel quale racconterà la sua esperienza di militanza politica ed esprimerà il suo punto di vista sulla irrisolta e drammatica questione palestinese. La tappa partenopea di Khaled è organizzata dagli attivisti del Comitato per la Palestina, che avrebbero voluto ospitare l'ex esponente del Fronte popolare nella sala dei Baroni, al Maschio angioino. Hanno, dunque, presentato alcuni giorni fa la richiesta di concessione di quello spazio a Palazzo San Giacomo ed hanno invitato il sindaco de Magistris ad intervenire al dibattito.

Il primo cittadino La sala però, alla fine non è stata messa a disposizione, ufficialmente per questioni tecniche. Quanto al sindaco, al momento non è ancora chiaro se parteciperà all'iniziativa di inizio dicembre. Se ci sarà, sfiderà le ineluttabili polemiche che si scatenerebbero. Le stesse che nacquero un anno fa, quando Napoli concesse la cittadinanza onoraria a Bilal Kayed, militante del Fronte Popolare per la Palestina in carcere da 15 anni, l'ultimo dei quali dopo la fine della pena detentiva alla quale era stato condannato.

Lo storico «Eppure la venuta di Khaled in città — sostiene Giuseppe Aragno, docente di Storia contemporanea all'Università, esponente di Dema ed amico del sindaco — potrebbe rappresentare un bel momento di confronto. Da storico io dico che possono esserci figure controverse, ma non vuole dire sempre che siano negative. Militanti sui quali si può molto discutere, ma che hanno avuto un ruolo nella vicenda storica». Conclude: «Non mi scandalizza che Khaled possa partecipare ad un dibattito a Napoli e che eventualmente, possa esserci il sindaco. Mi scandalizza, piuttosto, che l'Italia abbia rapporti diplomatici con l'Egitto, dopo quello che è accaduto a Regeni e mentre li sono in carcere migliaia di oppositori politici».

Per inviare al Corriere del Mezzogiorno la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT