martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
05.03.2015 L'antisemitismo in Europa visto da Sergio Romano
Ovvero, propaganda elettorale di Bibi

Testata: Corriere della Sera
Data: 05 marzo 2015
Pagina: 49
Autore: Sergio Romano
Titolo: «Esortazioni di Netanyahu, ebrei francesi in imbarazzo»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 05/03/2015, a pag.49, con il titolo "Esortazioni di Netanyahu, ebrei francesi in imbarazzo" la risposta di Sergio Romano a un lettore.

Romano, non potendo impunemente riscrivere la storia del sionismo, non può ugualmente lasciarsi sfuggire l'occasione di una frecciata contro Bibi Netanyahu. Sarebbe stato troppo leggere un'opinione sul perché in Francia - e non solo - gli ebrei vengono ammazzati perché ebrei. Bibi non ha fatto altro che comportarsi da leader di Israele, la nazione degli ebrei.

non preoccuparti, è solo un piccolo cespuglio...

Ecco lettera e risposta:

II premier israeliano Benjamin Netanyahu, sia dopo la strage di Parigi sia dopo l'attentato in Danimarca, ha rinnovato agli europei di religione ebraica l'invito a emigrare in Israele. Ma perché questo? Non pare anche a lei che sia un errore? E che dia una impressione di paura? Il rimarcarlo accentua quella differenza tra concittadini di religione diversa che in uno Stato democratico non si dovrebbe avere. Ma comprendo anche come si viva un momento storico in cui sembrano tornare i tempi bui in cui solo la religione dà la certezza dell'appartenenza. Con buona pace dei nazionalismi, degli internazionalismi e, soprattutto, della democrazia!

 Marto Tallani
mtali@tin.it

Caro Taliani

Theodor Herzl, fondatore del movimento sionista, sapeva che la nascita di uno Stato ebraico avrebbe costretto gli ebrei, dovunque vivessero, a fare una scelta. Ma le sue idee in proposito erano chiare. Potevano andare in Palestina e diventare cittadini del nuovo Stato, o restare dove erano e accettare la prospettiva dell'assimilazione, se non addirittura della conversione. Ma Herzl non poteva immaginare, alla fine del XIX secolo, in quali drammatiche condizioni l'ebraismo avrebbe vissuto dagli inizi degli orini Trenta alla fine della Seconda guerra mondiale, e in quali circostanze sarebbe nato lo Stato d'Israele. Non tutti gli ebrei partirono per la Palestina dopo il voto dell'Onu, ma quasi tutti, pur restando nelle loro patrie di adozione, sentirono l'obbligo di sostenere attivamente il Paese a cui erano profondamente legad. La parola assimilazione divenne impronunciabile e gli ebrei della diaspora ebbero da quel momento una duplice lealtà: verso la «vecchia-nuova terra», come la Palestina fu definita in un romanzo di Herzl, e verso il Paese in cui avevano lungamente vissuto. Vi furono momenti in cui la duplice lealtà creò qualche imbarazzo, ma era, tutto sommato, la più pragmatica e praticabile delle soluzioni possibili. Oggi, invece, il premier israeliano Benjamin Netanyahu esorta implicitamente i suoi correligionari in Francia e Danimarca a fare una scelta. Non è la prima volta. Anche Ariel Sharon, nel luglio del 2004, aveva approfittato della visita a Gerusalemme di un gruppo di dirigenti delle Comunità ebraiche americane per denunciare i rischi corsi dall'ebraismo francese in un Paese dove i musulmani sono circa sei milioni. Le sue parole provocarono la collera del presidente Jacques Chirac e il governo israeliano fece un passo indietro. Anche François IIollande ha reagito, ma Netanyahu non sembra disposto a modificare la sua linea. Non può ignorare che il suo invito all'ebraismo francese è una implicita manifestazione di sfiducia nella capacità dello Stato francese di proteggere le sue comunità ebraiche. E non può ignorare che molti ebrei preferirebbero non dovere scegliere fra due Paesi a cui sono egualmente legati. Ma forse Netanyahu, in questo momento, pensa soprattutto alle elezioni politiche anticipate che si terranno il 17 marzo e a' ciò che potrebbe maggiormente giovare alla sua immagine.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT