sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
06.06.2011 Terrorismo islamico e al Qaeda, perchè la crisi in Yemen è un pericolo
Analisi di Guido Olimpio

Testata: Corriere della Sera
Data: 06 giugno 2011
Pagina: 6
Autore: Guido Olimpio
Titolo: «Dai covi qaedisti alle rotte del greggio. Perché la crisi a Sanaa allarma il mondo»

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 06/06/2011, l'articolo di Guido Olimpio dal titolo " Dai covi qaedisti alle rotte del greggio. Perché la crisi a Sanaa allarma il mondo ".

Ci sono almeno quattro ragioni per le quali la crisi nello Yemen è pericolosa e deve essere seguita con grande attenzione. Quattro nodi che vanno oltre la battaglia tra oppositori e regime. L’economia. Le coste yemenite guardano una delle più importanti rotte marittime del mondo. Da Bab El Mandeb, porta meridionale del canale di Suez, passano ogni giorno 3,5 milioni di barili di greggio. Una situazione di caos perenne potrebbe interferire con il traffico mercantile. E le conseguenze ricadrebbero su quanti dipendono da questa via d’acqua. La regione. La rivolta può contagiare la vicina Arabia Saudita che è già intervenuta in passato e ora ha tentato una mediazione interessata. Il Regno non è più un esempio di stabilità. Al suo interno si agitano forze disgreganti e i principi con la kefiyah temono di perdere il controllo. Gli spiriti della rivolta camminano veloci lungo il deserto, superano i fragili confini, seguendo anche quelle piste del contrabbando che portano armi e munizioni in quantità. Il rogo yemenita può diventare un grande incendio, alimentato da molti focolai. Dalla rivolta popolare alle fratture tribali, senza tralasciare l’azione degli Houti, potente clan sciita. La saldatura. Lo Yemen si specchia in un altro Paese «perduto» , la Somalia. Due scacchieri uniti da vecchi e nuovi rapporti. Gli islamisti somali hanno contatti con i loro fratelli yemeniti e possono fare fronte comune. I pirati del Golfo di Aden lanciano le loro scorrerie lungo le due coste. I clandestini africani attraversano lo stretto braccio di mare per spingersi verso il Golfo. Gruppi e gang che hanno tutto l’interesse che lo Yemen diventi un’entità senza legge. Infine il terrorismo. Il territorio yemenita ospita — e non da oggi — una branca di Al Qaeda. Forse una delle sezioni regionali più pericolose. I militanti— yemeniti e sauditi— sono esperti, hanno una «tradizione» , rappresentano un punto di riferimento per volontari che vengono da altre aree geografiche. Li guidano capi esperti e un predicatore scaltro quale è Anwar Al Awlaki, stella della propaganda via Internet. Non si può dimenticare che i due più recenti tentativi di attacco contro il trasporto aereo internazionale sono stati concepiti dalla cellula yemenita. Che ha usato temibili micro-ordigni. È una realtà jihadista complessa. Gli obiettivi locali affiancano quelli internazionali a dimostrazione delle ambizioni del gruppo estremista. Una perfetta riproduzione di quello che è diventata la partita yemenita, dove non c’è solo in gioco il destino di un presidente irriducibile e di quei pochi che sono rimasti al suo fianco.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT