giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
29.10.2010 Niente kippah in Giordania. Il prossimo passo sarà niente ebrei ?
Cronaca di Francesco Battistini

Testata: Corriere della Sera
Data: 29 ottobre 2010
Pagina: 19
Autore: Francesco Battistini
Titolo: «La Giordania vieta la kippah 'per la sicurezza dei turisti'»

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 29/10/2010, a pag. 19, l'articolo di Francesco Battistini dal titolo " La Giordania vieta la kippah 'per la sicurezza dei turisti' ".

Un ebreo non può portare la kippah in Giordania. Una norma antisemita che il re cerca di far passare per una questione di sicurezza : "ci manca solo l’aggressione a qualche visitatore israeliano ". La soluzione alla possibilità di attentati contro i turisti ebrei non è aumentare la sicurezza e i controlli, ma cercare di nasconderli, far finta che non ci siano.
Magari gli ebrei dovrebbero ringraziare il re giordano per la sua sensibilità nei loro confronti...?

GERUSALEMME — «Giù la kippah». Al King Hussein Bridge, la frontiera giordano-israeliana che sfiora i luoghi del battesimo di Gesù, s’è fatta l’abitudine all’imprevisto. L’ossessione dei controlli, il caos delle code, il divieto di posteggiare auto, il biglietto per i bagagli imposto dai giordani, l’esagerata tassa d’espatrio messa dagl’israeliani... L’ultima trovata è un’altra cosa, però: il governo di Amman, con tanto di circolare alla polizia turistica, ha stabilito di requisire kippah e tefillin (filatteri) a tutti gli ebrei che si presentano al controllo passaporti e pretendano d’indossarli anche in Giordania. «Lo facciamo per la loro sicurezza», dicono le autorità: il Paese è nel pieno d’una nervosa campagna elettorale, un ministro s’è appena dovuto dimettere per avere insultato la stampa «piena d’asini, incompetenti, bugiardi, ignoranti» (e qualcuno sostiene abbia aggiunto: asservita a Israele), la popolazione è al 40 per cento composta da profughi palestinesi e — si giustificano al posto di confine — ci manca solo l’aggressione a qualche visitatore israeliano.

Il divieto di kippah piace a chi lo considera una giusta rappresaglia: «Bye bye simboli religiosi — scrive la palestinese Salma sul forum di Ynet — no burqa? No kippah!». In Israele protestano, però («perché solo i simboli dell’ebraismo? — replica sul blog un certo Tahl, di Ashdod —. Qualcuno si sogna di vietare anche le croci?») e i più furiosi sono gli uomini d’affari: «Ho clienti ad Amman e ci vado spesso — racconta A., un imprenditore di Gerusalemme — di solito evitavo d’ostentare i tefillin», gli astucci di cuoio che servono agli ebrei per la preghiera del mattino, «ma da qualche tempo non posso più portare nemmeno la kippah: devo ricorrere a un normale cappello. E comunque, non potendo pregare al sorgere del sole, evito di pernottare in Giordania». Il ministero degli Esteri israeliano cerca soluzioni senza troppo clamore, visto che la Giordania è uno dei vicini con cui litiga meno. Un po’ come fece quando alle rovine di Petra fu deciso di far pagare più caro il biglietto ai turisti israeliani. «Si portano tutti la colazione al sacco — fu la motivazione — e non comprano neanche un goccio d’acqua»: bastò qualche persuasiva telefonata, e l’ingresso maggiorato sparì.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT