martedi` 04 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
25.06.2009 Diplomatico palestinese fa sparare al ragazzo della figlia
Perchè era promessa ad un altro uomo

Testata: Corriere della Sera
Data: 25 giugno 2009
Pagina: 10
Autore: Antonio Ferrari - Luigi Offeddu
Titolo: «Se il diplomatico palestinese cancella in casa i diritti umani - Ue, il diplomatico palestinese fa sparare al ragazzo della figlia»

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 25/06/2009, a pag. 10, il commento di Antonio Ferrari dal titolo " Se il diplomatico palestinese cancella in casa i diritti umani " e, a pag. 21, la cronaca di Luigi Offeddu dal titolo " Ue, il diplomatico palestinese fa sparare al ragazzo della figlia  ". Ecco gli articoli:

 ragazze musulmane col velo, simbolo di sottomissione

Antonio Ferrari : " Se il diplomatico palestinese cancella in casa i diritti umani "

Non si sa come prenderla, que­sta storia. Fatta di minacce, vio­lenza, coercizioni, di un matrimonio che non si deve fare, di un padre che perde la testa perché ha promesso la figlia a un al­tro. Un padre che, secondo gli investigato­ri, convince un amico (un «sicario»?) a sparare al fidanzato della ragazza, fortuna­tamente senza ucciderlo.
Si dirà: è accaduto, accade e accadrà dappertutto. Ma stavolta il caso fa rumo­re perché il padre è un diplomatico, sep­pur in pensione da un anno, e vive a Bru­xelles. Era stato il portavoce e il vicecapo della delegazione palestinese presso il re­gno del Belgio e l’Unione europea. Un uo­mo stimato, Fathi El Mohor, che vista la lunga carriera era ed è sicuramente vici­no a quel fronte moderato rappresentato dal presidente Abu Mazen, che crede nei diritti umani.
Però per Fathi l’incubo sociale era di­ventato insopportabile. Tanto da far di­menticare gli obblighi e il decoro privato a un uomo pubblico infuriato con la fi­glia, che voleva andasse in sposa a un pa­lestinese che vive in Giordania, e che inve­ce si era promessa a un giovane marocchi­no. Non per imposizione, ma per libera scelta. Quel messaggio-sms, velenoso e si­billino, inviato dal cellulare del padre: «La vita è un dettato, e il dizionario è il Corano», è la prova di un salto culturale in un passato che i palestinesi moderati hanno abiurato da tempo. Perché rivela le contraddizioni di un mondo refrattario ad accettare le regole di valori universali. È vero che in Arabia Saudita e in altri Paesi fondamentalisti può accadere ben di peggio, e lo sappiamo. Tuttavia, per un diplomatico dell’Anp, che vuol porsi co­me l’embrione di un futuro Stato palesti­nese, diventa ostico digerire questa esplo­sione di violenza. È chiaro che nel mondo arabo, dove spesso una donna è costretta a obbedire ciecamente agli ordini del pa­dre- padrone, quel che è accaduto non è una novità. Solleva però sapere che la giu­stizia è arrivata con due eventi: il matri­monio (con lo sposo un po’ ammaccato) e l’arresto del padre e del «sicario»

Luigi Offeddu : "Ue, il diplomatico palestinese fa sparare al ragazzo della figlia"

BRUXELLES — Fathi, che per una vita intera ha procla­mato il diritto alla libertà del­la sua Palestina, è finito in cella per aver voluto schiac­ciare la libertà della figlia, perfino con il sangue. Lei, Dalan, voleva sposare Zaka­ria, il suo ragazzo marocchi­no (e l’ha sposato ieri), ma il padre aveva scelto un altro, un palestinese che riteneva più degno e che Dalan non aveva mai incontrato.
A Zakaria, il «suocero» mandava sul cellulare mes­saggi come questi: «Hai di­strutto la vita di mia figlia. La vita è un dettato, il dizio­nario è il Corano». L’altro ie­ri è finita a colpi di pistola. E ora quella che sembrava so­lo una storiaccia di strada è diventata un caso politi­co- diplomatico che imbaraz­za la grande e civile comuni­tà musulmana di Bruxelles: perché Fathi El Mohor, accu­sato di aver ordinato l’omici­dio del futuro genero, è sta­to per anni il portavoce e il direttore vicario della Dele­gazione palestinese presso il Belgio e presso l’Unione Eu­ropea, non proprio un’amba­sciata ma qualcosa di molto simile. Lo hanno arrestato come presunto mandante: sarebbe stato inviato da lui il giovane sicario che l’altra se­ra ha sparato tre pallottole contro il fidanzato sgradito, per essere poi arrestato po­che ore più tardi.
Il sicario non aveva una mira da cecchino: un proiet­tile ha fratturato la mano di Zakaria, gli altri hanno colpi­to solo di striscio. Quasi un miracolo. E ieri a mezzogior­no,
nel quartiere di Schaer­beek abitato in maggioranza da immigrati musulmani, è stato celebrato il matrimo­nio, con lo sposo ben fascia­to: sotto l’occhio della poli­zia e fra strette misure di si­curezza, perché la questione ha riattizzato le tensioni in­terne alla comunità.
Tutta la storia è stata rico­struita da due tenaci cronisti di
Le Soir, il principale quoti­diano belga, che sono riusci­ti a penetrare la cortina del riserbo. E hanno portato alla luce alcuni risvolti sconcer­tanti. Per esempio, la denun­cia fatta da Zakaria sugli in­fluenti contatti del «suoce­ro », che avrebbero spinto al­l’azione perfino il consolato del Marocco. Nel 2007, se­condo il racconto del giova­ne, il console lo avrebbe con­vocato e gli avrebbe chiesto di brutto: «Perché, tu maroc­chino, ti vuoi prendere una palestinese con tante maroc­chine che ci sono qui a Bru­xelles?». Non solo: disperato per le asserite intimidazioni del «suocero», che lo avrebbe anche ingiustamente (a suo dire) denunciato come im­migrato illegale e spacciato­re di droga, Zakaria si sareb­be rivolto al re e alcuni parla­mentari.
Ma come sempre, non c'è una sola versione delle cose. E la versione che circola in alcuni ambienti vicini alla Delegazione palestinese è un po' differente. Rifuggen­do dalle dichiarazioni uffi­ciali,
dicono per esempio che Fathi era da almeno un anno in pensione, lontano da ogni frequentazione poli­tica. E che era, ed è, un si­gnore posato e colto, appas­sionato di libri e non di pi­stole, non certo un folle. Mentre Zakaria sarebbe un tipo opposto. Toccherà ora ai giudici, giudici belgi e cat­tolici, decidere chi ha ragio­ne.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, cliccare sull'e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT