venerdi 14 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Bollettino della Comunità ebraica di Milano Rassegna Stampa
11.10.2018 Stop ai fondi all'Unrwa: Donald Trump, poche chiacchiere, molti fatti
Commento di Angelo Pezzana

Testata: Bollettino della Comunità ebraica di Milano
Data: 11 ottobre 2018
Pagina: 11
Autore: Angelo Pezzana
Titolo: «L'amministrazione Trump dice basta ai finanziamenti all'UNRWA e ai 365 milioni di dollari che da 68 anni i palestinesi ricevono per mantenere lo status quo di profughi. Sbaglia? Oppure è una decisione sacrosanta?»

Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, ottobre 2018, a pag. 11 con il titolo "L'amministrazione Trump dice basta ai finanziamenti all'UNRWA e ai 365 milioni di dollari che da 68 anni i palestinesi ricevono per mantenere lo status quo di profughi. Sbaglia? Oppure è una decisione sacrosanta?" il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana

Immagine correlata
Una scuola dell'UNRWA a Gaza trasformata in arsenale da Hamas

Gli Stati Uniti hanno deciso di un finanziare più l’UNRWA - l’impegno annuale era di 365 milioni di dollari - l’agenzia che da 68 anni si occupa dei rifugiati palestinesi che avevano lasciato Israele dopo la proclamazione dell’Indipendenza, una agenzia creata per occuparsi unicamente di loro, malgrado l’Onu disponesse già dell’ ANHCR (Alto Commissariato delle nazioni Unite per i Rifugiati ). Dopo il riconoscimento di Gerusalemme capitale e lo spostamento della ambasciata da Tel Aviv, Trump ha anche dichiarato che l’attività della agenzia fino ad oggi non ha fatto altro che alimentare l’instabilità della regione. Da circa 700 mila che erano nel ’48, i profughi sono oggi circa 5 milioni, essendo questo l’obiettivo: mantenere vivo il conflitto con lo Stato ebraico, per questo fine l’integrazione negli stati arabi vicini, grazie all’UNHRA, è sempre stata impedita. Il direttore Chris Gunness e le autorità palestinesi adesso temono che sotto pressione degli Usa, Libano, Siria e Giordania, potranno farsi carico del loro assorbimento e temono che il capitolo UNRWA non rientrerà più nei colloqui che dovrebbero segnare la fine del conflitto con Israele… e migliaia di impiegati/burocrati al servizio della causa palestinese perderanno il posto, direttore compreso. Si può dire che la notizia è di una certa importanza? Eppure non ha suscitato l’interesse che doveva, forse perché –finalmente- i media avrebbero dovuto spiegare ai loro lettori/telespettatori quali erano le attività ‘umanitarie’ della suddetta agenzia: indottrinare, lavando loro il cervello, gli studenti in ogni ordine di scuola a diventare ‘combattenti’ contro gli ebrei. Come dirlo oggi, se finora è stato un segreto ben custodito? Hanno protestato i soliti divulgatori nostrani di disinformazione e,ovviamente, palestinesi. Saeb Erekat, il negoziatore di parte Ap,ha dichiarato: “è un atto contro le forze moderate in Palestina e Israele, chi ha dato agli Usa il diritto di approvare chi ha rubato la mia capitale, la mia moschea Al Aqsa, la mia chiesa del Santo Sepolcro?”. Proprio così! L’Unione Europea, il secondo finanziatore di UNRWA, ha chiesto con urgenza agli Usa di fare marcia indietro da questa “ riprovevole decisione”, che continuerà a finanziare l’Agenzia e che cercherà altri partner. Con la UE si è subito allineato Jeremy Corbyn, poteva mancare? Netanyahu ha applaudito la decisione di Trump “ Le attività dell’UNRWA sono uno dei problemi centrali che perpetuano il conflitto”. Non si conosce, sempre che ci sia, la posizione italiana. Continuerà a seguire la scelta di Bruxelles, visto che fa parte della UE, oppure seguirà l’esempio degli Usa, dato che siamo anche parte dell’Onu?

Per inviare al Bollettino la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT