giovedi` 19 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Bollettino della Comunità ebraica di Milano Rassegna Stampa
09.03.2015 Perché è caduto l'anatema europeo contro Hamas?
Commento di Angelo Pezzana

Testata: Bollettino della Comunità ebraica di Milano
Data: 09 marzo 2015
Pagina: 13
Autore: Angelo Pezzana
Titolo: «Perché è caduto l'anatema europeo contro Hamas?»

Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano di marzo 2015, a pag. 13, con il titolo "Perché è caduto l'anatema europeo contro Hamas?", il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana


Per chi avesse dei dubbi su chi siano i "miliziani" di Hamas, eccone un esempio

Ci sono delle notizie che i nostri media preferiscono non pubblicare. O, se proprio non possono farne a meno, lo spazio che le ospita è minimo, con l’esclusione di qualsivoglia commento. Una di queste è stata la cancellazione da parte dell’Unione Europea di Hamas dall’elenco dei movimenti terroristi. Eppure la notizia c’era tutta e aveva dell’incredibile. Ma come, Hamas, un movimento che ha nel suo statuto la distruzione di Israele e lo sterminio dei suoi cittadini ebrei – l’ha dimostrato nei fatti da quando nel 2005 ha preso con un colpo di stato il potere a Gaza e da allora, sempre, tiene aperto un conflitto con Israele - e l’UE ne ripulisce l’immagine inserendolo all’onor del mondo fra gli Stati ? Notizia invisibile, commenti zero, non sia mai che qualche lettore si facesse un’ opinione critica sulla natura genocida di una parte rilevante dei palestinesi e che non teme di affermarlo apertamente.


Il "pacifico" simbolo di Hamas rende chiaro lo scopo dei terroristi (la distruzione di Israele - si veda la mappa verde in alto - e la nascita di un regime fondato sulla legge coranica - si veda la Moschea della Roccia e le citazioni del Corano) e i mezzi per raggiungerlo (le due scimitarre)

A difesa della sciagurata decisione dell’UE, qualcuno ha evidenziato una supposta differenza tra Hamas forza di governo e le cosiddette ‘ forze armate ‘ di Hamas, che esercito non possono definirsi, preferendo una definizione meno ufficiale, ‘ala militare’, più presentabile in Occidente. Hanno pure un nome che le distingue, Izzadim Kassam, in modo che i crimini di guerra di cui si rendono responsabili possano essere stornati da Hamas forza di governo, attribuibili quindi a milizie non meglio qualificate, come infatti avviene ogni volta che vengono citate. Hamas ripulito e restituito al consesso degli Stati. Che poi a dare gli ordini, fornire le armi, siano i leader di Hamas, è secondario. Caduto l’anatema europeo contro Hamas – con il silenzio-assenso della Ministra degli Esteri Mogherini – in Medio Oriente a valutare la vera natura di Hamas è intervenuto l’Egitto, che recentemente ne ha messo fuori legge l’ala militare, non avendo alcun timore delle reazioni dei Fratelli Musulmani, dei quali Hamas è una costola. Il portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha giudicato la decisione del Generale Al Sisi “ pericolosa e inaccettabile”, perché “ serve soltanto gli interessi di Israele”, dimenticando la mattanza di soldati egiziani nella Penisola del Sinai ad opera di gruppi terroristi la cui azione mira a restaurare il potere del Fratelli Musulmani, che gli egiziani hanno fatto sloggiare dopo avere assaggiato la bontà della gestione Morsi.

Hanno tirato in ballo Israele, ma non ci ha creduto nessuno, nemmeno in quel mondo arabo-musulmano che, al pari dell’Egitto riconosce nei Fratelli Musulmani l’origine del Califfato, una parola che sta terrorizzando i paesi democratici, Usa compresi, ma che non è altro che la longa manus di quel movimento fondato in Egitto da Al Banna alla fine degli anni ’20. Se i nostri media rivolgessero la loro attenzione un po’ meno alle lamentele dei palestinesi, raccontando, tanto per fare un esempio, quanto sia falso scrivere, per esempio territori “occupati” al posto di “contesi”, aiuterebbero i propri lettori a capire quanto accade in quella regione e, soprattutto, riferissero- invece di scartarle- quelle notizie che mettono in discussione la narrativa arabo-musulmana, di cui la vicenda della ‘assoluzione’ di Hamas è solo l’ultimo, macroscopico esempio. E’ troppo chiederlo?

Per inviare la propria opinione al Bollettino della Comunità ebraica di Milano, cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT