giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
07.02.2021 Infibulazione: in Italia 80mila donne mutilate in nome dell'islam
Commento di Azzurra Barbuto

Testata: Libero
Data: 07 febbraio 2021
Pagina: 11
Autore: Azzurra Barbuto
Titolo: «Le 80mila infibulate di cui nessuno parla»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 07/02/2021, a pag.11, con il titolo "Le 80mila infibulate di cui nessuno parla" il commento di Azzurra Barbuto.

Risultato immagini per infibulazione

Oltre 80 mila donne in Italia hanno subito mutilazioni genitali, ossia l'asportazione parziale o totale dei genitali esterni per ragioni non mediche, bensì religiose. Cresce in Italia il numero di donne africane sottoposte a mutilazioni genitali: 35mila nel 2015, oggi sono più che raddoppiate e culturali. Solamente nel 2015 l'Organizzazione Mondiale della Sanità stimava che fossero 35 mila sulla nostra penisola. E più di 20 mila bambine potrebbero essere sottoposte a questo genere di crudeli amputazioni, ovviamente vietate dalla legge, da qui a breve. Il loro numero aumenta esponenzialmente di pari passo a quello degli sbarchi illegali. Tali operazioni vengono compiute ogni d'i clandestinamente, in casa, adoperando lamette, coltelli, forbici o frammenti di vetro, e le bambine patiscono queste atroci torture senza anestesia. Dopo il taglio esse vengono ricucite in maniera grossolana con ago e filo al fine di consegnare al futuro sposo una moglie illibata, pura, incapace di provare piacere, pronta per essere sconfezionata come fosse un pacchetto-regalo durante la prima notte di nozze. Talvolta nel canale vaginale vengono persino versati addi.

Risultato immagini per donne islam

INFEZIONI NON CURATE Nel mondo sono 200 milioni (in Europa oltre 600 mila) le fanciulle a cui sono state inflitte codeste menomazioni, e quasi 4 milioni di ragazzine rischiano ogni anno di essere vittime di questo tipo di violenze, quindi anche di perire a causa delle complicazioni che spesso ne seguono, come infezioni non curate e perciò diventate irreversibili. In occasione della Giornata internazionale della tolleranza zero nei confronti delle Mutilazioni Genitali Femminili (Fgm), che ricorre proprio oggi, Amref Health Africa, associazione che da vent'anni è impegnata nel contrasto alle Fgm, lancia l'allarme: in seguito alla pandemia, nel prossimo decennio potrebbero verificarsi due milioni di casi di Fgm che sarebbero stati altrimenti evitati, inoltre i progressi fino ad ora ottenuti potrebbero ridursi di un terzo. La prima ragione di questo regresso è da ricercare nella chiusura delle scuole nonché nella conseguente permanenza tra le mura domestiche delle bambine, le quali prima avevano perlomeno modo di confrontarsi, essere informate, chiedere aiuto. «Per me la lotta a queste barbare tradizioni è diventata una vera e propria missione. Mia sorella ha subito la mutilazione genitale quando aveva soltanto dodici anni. Dopo pochi mesi è stata data in sposa a un uomo più grande di lei. Non ho potuto fare nulla per sottrarla al suo destino, ma da allora ho deciso che questa sarebbe stata la mia battaglia. E intendo vincerla»: così ha dichiarato Ibrahim Ole Kinwaa, il quale dal 2017 lavora nello staff di Amref in Tanzania e teme proprio gli effetti della pandemia sulla prossima generazione di donne. Ma Amref, come ha spiegato Paola Magni, referente per i progetti di contrasto alle Fgm di Amref Health Africa, ora scenderà in campo pure nelle città italiane di Milano, Torino, Padova e Roma, dove migliaia di ragazzine minorenni sono potenziali vittime di questa agghiacciante forma di violenza, che lascia ferite indelebili nel corpo e ovviamente anche nella psiche. Le nostre metropoli, infatti, sono gremite di immigrati, i quali hanno importato nel nostro territorio le loro usanze e i loro costumi, inclusi quelli incompatibili con le nostre leggi, oltre che con la civiltà. Dunque non si tratta affatto di usi tramandati e diffusi soltanto in zone recondite del pianeta, bensì di attività che vengono realizzate quotidianamente in casa nostra. Dal 1996 al 2011 solo nella capitale sono state curate diecimila giovani infibulate, alle quali era stato tranciato il clitoride per privarle a vita della possibilità di godere di una sessualità appagante nonché per garantire al maschio una consorte sulla quale imporre il suo dominio assoluto.

CONSUETUDINI TURPI Le femministe dei nostri giorni tuttavia non fiatano poiché parlare di mutilazioni genitali femminili implicherebbe l'obbligo di puntare il dito contro quella cultura misogina e brutale di cui gli islamici sventolano con fierezza il vessillo, cultura che mira a fare della donna nient'altro che un oggetto ad abuso e consumo dell'uomo-padrone. Molto più facile sostenere l'attrice Asia Argento, la quale ha avuto una relazione con il suo produttore cinematografico, salvo poi accusarlo sui giornali di molestie vent'anni dopo. Molto più agevole protestare e indignarsi per le astine alle vocali. Molto più comodo abbracciare il politicamente corretto, piuttosto che pretendere che coloro i quali decidono di trasferirsi senza invito in Occidente abbandonino consuetudini primitive e vergognose e si adeguino seduta stante alle norme in vigore da queste parti. E ciò sarebbe il minimo.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mal sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.