martedi` 04 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
13.06.2020 Se abbattono Churchill, faranno risorgere Hitler
Commento di Giovanni Sallusti

Testata: Libero
Data: 13 giugno 2020
Pagina: 11
Autore: Giovanni Sallusti
Titolo: «Se abbattono Churchill, faranno risorgere Hitler»
Riprendiamo da LIBERO di oggi, 13/06/2020, a pag.11, con il titolo "Se abbattono Churchill, faranno risorgere Hitler" il commento di Giovanni Sallusti.

Risultati immagini per giovanni sallusti libero
Giovanni Sallusti

Statue of Winston Churchill, Parliament Square - Wikipedia
La statua di Winston Churchill a Londra

Se volete afferrare il nucleo pulsante del totalitarismo lasciate perdere le migliaia di pagine e relativi tomazzi sul tema, basta una frase di George Orwell, da 1984. «La storia era un palinsesto che poteva essere raschiato e riscritto tutte le volte che si voleva». E questa, la vera ossessione da cui riconoscete il marchingegno totalitario, che è molto più di una mera dittatura, è la volontà di riscrivere a piacimento e all'infinito il passato, ridotto ad appendice dei desiderata del presente. Quell'«eterno presente» in cui «il Partito ha sempre ragione», secondo l'immagine orwelliana. Sostituite "Partito" con "canaglia all'assalto delle statue" e avrete la fotografia del totalitarismo contemporaneo, il Politicamente Corretto. OBIETTIVI DELL'ODIO II nemico principale di questa gentaglia, e intendiamo gli intellò e i commentatori che sostengono gli squadristi "Antifa" più ancora che gli squadristi medesimi, è la storia. E qualsiasi parvenza di ricordo condiviso e di senso comune, che possano contraddire la furia iconoclasta dei teppisti globali. Pensate che i manifestanti, sia in America che in Inghilterra, hanno deturpato anche i busti di Abramo Lincoln, il presidente che per liberare i neri non esito ad infliggere agli Stati Uniti una guerra civile. E le squadracce dell"'antifascismo" 2.0 a Londra sono arrivate persino a prendersela con il memoriale di Sir Winston Churchill, l'uomo senza il quale oggi saremmo tutti sudditi del Terzo Reich (perlomeno i fortunati rimasti in vita e fuori dai cancelli del lager). Siamo al capovolgimento totale, la storia come arbitrio, cazzeggio stradaiolo, fondamentalmente farsa da inventare ogni giorno, a colpi di spry contro la memoria. Questo totalitarismo da bomboletta è riuscito là dove falli persino la svastica: silenziare Churchill. Sì: il monumento in Parliament Square ieri è stato integralmente imballato per proteggerlo dalle nuove proteste degli "antirazzisti" annunciate per il fine settimana. Churchill, votato "il più grande inglese di tutti i tempi" in un sondaggio della Bbc, l'uomo che mentre l'Europa veniva nazistizzata nel fatale 1940 urlo contro ogni evidenza logica e militare «Non ci arrenderemo mai!», l'uomo che tenne accesa la fiammella del mondo libero contro «una mostruosa tirannia insuperata nell'oscuro e doloroso catalogo del crimine umano», costretto post mortem a scusarsi, vergognarsi di sé, nascondersi nella sua Londra, la Londra che appesa alle sue parole resistette eroicamente alle bombe della Luftwaffe. RIEDUCATORI IGNORANTI Sono i migliori alleati postumi di Hitler, questi imbrattatori selvaggi del Black Lives Mater, o qualunque altra etichetta utilizzino per adornare la propria violenza acefala, quantomeno hanno gli stessi nemici dell'imbianchino austriaco, fanno oggettivamente il gioco suo e dei suoi epigoni, e non pub essere un caso. E il risultato della rimozione della storia Auschwitz pub sempre tornare, ammoniva Primo Levi, basta che smetteremo di raccontarlo. «Meditate che questo è stato», è il messaggio che lo scrittore torinese ci lasciava dall'inferno. L'idea folle di rimuovere il Male, ridurre la storia a palcoscenico per i propri tic progressisti, anche quando in buona fede (e non è il caso degli abbattitori di statue, ma di certi tifosi della riscrittura politicamente corretta dell'intera toponomastica e con essa dell'intero scibile umano), è doppiamente totalitaria Perché abdica all'arma più potente che abbiamo contro il Male: la possibilità di rammentarlo. L'uomo è essere narrante e tramandante, almeno dai tempi di Omero (perdonateci, ci rendiamo conto che l'Iliade e l'Odissea siano un bieco concentrato reazionario di machismo, sessismo, perfino di sovranismo, con quell'inaccettabile voglia di Ulisse di tornare a casa, probabilmente siamo ancora bisognosi di "rieducazione", come direbbe il capo delle Sardine). Se gli togli la facoltà della memoria, lo hai disumanizzato alla radice. Il Mein Kampf non va censurato e ritirato dal circuito commerciale, come fatto recentemente da Amazon. Al contrario, va diffuso il più possibile. Il Male va posseduto. Solo così puoi fronteggiarlo fino a sopportare «lacrime e sangue», come diceva Churchill, quel tizio che sbaragliò il totalitarismo di ieri ed è nel mirino del totalitarismo di oggi.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mal sottostante

lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT