mercoledi` 16 gennaio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: le responsabilità sono di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
10.01.2019 Dal discorso alla Nazione di Donald Trump
Nessuna citazione sui giornali italiani, tranne Libero

Testata: Libero
Data: 10 gennaio 2019
Pagina: 10
Autore: Donald Trump
Titolo: «Il discorso di Trump»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 10/01/2019, a pag. 10, con il titolo "Il discorso di Trump", ampi stralci del discorso di Donald Trump trasmesso in diretta tv martedì sera, per perorare la causa della protezione delle frontiere contro l'immigrazione clandestina. Nessun altro quotidiano oggi riporta le parole di Trump.

Ecco il discorso:

Immagine correlata
Donald Trump

Stasera vi parlo perché c'è una crescente crisi umanitaria e di sicurezza al confine meridionale. Ogni giorno, agenti della dogana e della polizia di frontiera hanno a che fare con migliaia di immigrati clandestini che cercano di entrare nel nostro paese. Non ci basta lo spazio per tenerli, e non abbiamo modo di rimandarli immediatamente a casa nel loro paese. L'America accoglie con orgoglio milioni di immigranti legali che arricchiscono la nostra società e contribuiscono alla nostra nazione. Ma tutti gli americani sono feriti dall'immigrazione incontrollata e illegale. Essa mette a dura prova le risorse pubbliche e riduce i posti di lavoro e i salari. Tra quelli più duramente colpiti ci sono gli afro-americani e gli ispanici. Il nostro confine meridionale è un condotto per enormi quantità di droghe illegali, tra cui metanfetamine, eroina, cocaina.

Immagine correlata

Ogni settimana, 300 nostri concittadini vengono uccisi solo dall'eroina, che per il 90% attraversa il confine meridionale. Più americani moriranno di droga quest'anno rispetto a quanti sono stati uccisi in tutta la guerra del Vietnam. Negli ultimi due anni, sono stati fatti 266.000 arresti di stranieri con precedenti penali, compresi quelli accusati o condannati per 100.000 aggressioni, 30.000 crimini sessuali e 4.000 omicidi. Nel corso degli anni, migliaia di americani sono stati brutalmente uccisi da coloro che sono entrati illegalmente nel nostro paese e migliaia di altre vite andranno perse se non interveniamo ora. Questa è una crisi umanitaria - una crisi del cuore e una crisi dell'anima. Il mese scorso, 20.000 bambini sono stati portati illegalmente negli Stati Uniti - un aumento drammatico. Questi bambini sono sfruttati da nuovi schiavisti da bande spietate. Una donna su tre viene violentata durante il pericoloso via o attraverso il Messico. Le donne e i bambini sono di gran lunga le maggiori vittime di questo nostro sistema che non funziona. Questa è la tragica realtà dell'immigrazione clandestina attraverso il confine meridionale. Questo è il ciclo della sofferenza umana al quale io sono determinato a porre fine. La mia amministrazione ha presentato al Congresso una proposta dettagliata per proteggere il confine e fermare le bande criminali, i trafficanti di droga e i trafficanti di esseri umani. E un problema tremendo. La nostra proposta è stata sviluppata da professionisti delle forze dell'ordine e agenti di frontiera presso il Dipartimento della Homeland Security. (...) La proposta comprende tecnologie all'avanguardia per il rilevamento di droghe, armi, contrabbando illegale e molte altre cose. Abbiamo richiesto più agenti, più giudici e più posti letto per avere il tempo di gestire la forte crescita nella immigrazione illegale che è alimentata dalla nostra economia molto forte. Il nostro piano contiene anche una richiesta urgente di assistenza umanitaria e supporto medico. (...) Infine, come parte di un approccio generale alla sicurezza delle frontiere, i professionisti delle forze dell'ordine hanno richiesto 5,7 miliardi di dollari per una barriera fisica. Su richiesta dei democratici, sarà una barriera d'acciaio piuttosto che un muro di cemento. Questa barriera è assolutamente fondamentale per la sicurezza delle frontiere. (...) Il muro di confine si pagherebbe molto rapidamente. Il costo delle droghe illegali superai 500 miliardi di dollari all'anno, molto più dei 5,7 miliardi che abbiamo richiesto al Congresso. Il muro sarà anche pagato, indirettamente, dal nuovo grande accordo commerciale che abbiamo stipulato con il Messico. Il senatore Chuck Schumer ha sostenuto ripetutamente una barriera fisica in passato, insieme a molti altri democratici. Hanno cambiato idea solo dopo che io sono stato eletto Presidente. I democratici al Congresso hanno rifiutato di riconoscere la crisi. E si sono rifiutati di fornire ai nostri coraggiosi agenti di frontiera gli strumenti di cui hanno disperatamente bisogno per proteggere le nostre famiglie e la nostra nazione. Il governo federale rimane chiuso per una unica ragione: perché i democratici non finanziano la sicurezza delle frontiere. La mia amministrazione sta facendo tutto ciò che è in nostro potere per aiutare chi è stato colpito dalla situazione. Ma l'unica soluzione è che i democratici approvino una spesa che difenda i nostri confini e riapra il governo. (...). Il cuore dell'America si è spezzato il giorno dopo Natale quando un giovane agente di polizia in California è stato selvaggiamente assassinato a sangue freddo da un clandestino, che aveva appena attraversato il confine. La vita di un eroe americano è stata rubata da qualcuno che non aveva il diritto di essere nel nostro paese. Giorno dopo giorno, vite preziose vengono abbreviate da coloro che hanno violato i nostri confini. In California, una veterana dell'Air Force è stata stuprata e picchiato a morte con un martello da un clandestino con una lunga storia criminale. In Georgia, uno straniero illegale è stato recentemente accusato di omicidio per aver ucciso, decapitato e smembrato il suo vicino. (...) Negli ultimi anni ho incontrato dozzine di famiglie i cui cari sono stati strappati loro dall'immigrazione clandestina. Ho tenuto le mani delle madri piangenti e ho abbracciato i padri afflitti dal dolore. Così triste. Così terribile. Non dimenticherò mai il dolore nei loro occhi, il tremito nelle loro voci e la tristezza che attanaglia le loro anime. (...) Quando ho preso il giuramento da presidente, ho giurato di proteggere il nostro paese. Ed è quello che farò sempre.
(Traduzione di Glauco Maggi)

Per inviare la propria opinione a Libero, telefonare 02/ 999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT