sabato 17 novembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Unrwa, strumento dell'odio contro Israele. I rifugiati veri e quelli inventati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
07.11.2018 Roberto Fico riceve con tutti gli onori la fanatica 'ambasciatrice' di Abu Mazen
Commento di Fausto Carioti

Testata: Libero
Data: 07 novembre 2018
Pagina: 11
Autore: Fausto Carioti
Titolo: «Fico si avvicina ai terroristi palestinesi»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 07/11/2018, a pag.11, con il titolo "Fico si avvicina ai terroristi palestinesi" l'analisi di Fausto Carioti.

A destra: Roberto Fico con Mai Al Kaila, "ambasciatrice" araba palestinese in Italia

Roberto Fico, Presidente della Camera e tra i più estremisti 5stelle, riceve con tutti gli onori la fanatica Mai Al Kaila, "ambasciatrice" araba palestinese in Italia che sostiene esplicitamente il terrorismo e la violenza contro Israele. Altro che cambiamento, la linea 5stelle del governo su Israele si annuncia peggiore di quella dei governi precedenti... La Lega tace, il proverbio ci ricorda che chi tace acconsente..

Ecco l'articolo:

Al curriculum di Roberto Fico mancava l'abbraccio con i nemici di Israele e fiancheggiatori dei terroristi palestinesi. Il sandinista del Vomero ha provveduto ieri. Nel suo ufficio di presidente della Camera, con tutti gli onori istituzionali, ha ricevuto Mai Al Kaila, ambasciatrice della Palestina, titolo che la Farnesina le riconosce anche se il cosiddetto Stato palestinese è una finzione giuridica. «Incontrarla nel mio studio a Montecitorio è stato un piacere», ha commentato Fico al termine del colloquio. «Due popoli e due Stati - ho ribadito all'ambasciatrice - resta la soluzione migliore per una ripresa efficace del processo di pace». In realtà, la pace non ha nulla a che vedere con la storia e le idee della signora. Legata all'organizzazione politica e militare di sinistra Al Fatah, prigioniera nel 1986 nelle carceri israeliane, Al Kaila rappresenta il governo di Abu Mazen a Roma dall'ottobre del 2013, quando fu accreditata da Giorgio Napolitano, ed è diventata subito la beniamina di tutti gli organi d'informazione che hanno tra i piatti fissi del menu quotidiano la guerra mediatica a Israele. La signora svolge benissimo il proprio compito di propagandista, dipingendo il governo di Gerusalemme come una banda di assassini dediti ai crimini più fermi.

Immagine correlataImmagine correlata

LINGUA BIFORCUTA Lei è quella che si appella ai giornali e alle televisioni italiane (come se ce ne fosse bisogno) affinché diano risalto alla «mattanza israeliana» contro «civili, bambini e anziani inermi» (sarebbero quelli con cui i gruppi armati palestinesi si fanno scudo) e che classifica come «legittime proteste popolari non violente» le aggressioni dei suoi compagni ai danni degli israeliani. Per mobilitare l'opinione pubblica italiana non esita a ricorrere alle bufale, ad esempio accusando Israele di negare cibo e medicinali agli abitanti della striscia di Gaza anche quando Gerusalemme incrementa il flusso, già consistente, di aiuti umanitari. Eppure questo è il lato migliore dell'ambasciatrice, quello che lei riserva agli occidentali per convincerli che causa palestinese e pacifismo possono andare a braccetto. E il volto che mostra sempre quando parla o scrive in italiano. Ce ne è un altro, conosciuto solo ai palestinesi e a coloro che conoscono l'arabo, che si rivela invece quando commenta sui social network le gesta dei terroristi, da lei santificati come «martiri». Un vero e proprio doppio linguaggio: con noi quello della diplomazia, infervorato dall'ostilità verso Israele, ma sempre facendo credere che il vero obiettivo sia la pace; con i suoi, quello della piena solidarietà alla lotta armata, anche se rivolta contro gli innocenti. E un vizio che la signora ha da tempo e che il pacifista Fico, se avesse voluto documentarsi, avrebbe scoperto con facilità (sempre ammesso che non l'abbia fatto, decidendo di fregarsene e di invitarla lo stesso).

ELOGI AGLI ASSASSINI Già nel 2014, con l'aiuto di un traduttore dall'arabo, Libero scoprì che costei glorificava regolarmente i peggiori terroristi palestinesi. Aveva assunto da pochi mesi l'incarico nella capitale italiana quando commentò la morte del 22enne Moataz Washaha, membro del Fronte popolare perla liberazione della Palestina, organizzazione terroristica d'ispirazione marxista. Accusato di avere condotto numerosi attentati, costui si era barricato sparando ai soldati israeliani con un fucile d'assalto. L'ambasciatrice era andata in pellegrinaggio alla sua casa e aveva scritto su Facebook: «Migliaia di ringraziamenti al martire Moataz, rimarrà immortale nei nostri ricordi». E così ha fatto per tanti altri, incluso colui che, prima di essere ucciso dai militari israeliani, aveva tentato di assassinare il rabbino ortodosso Yehuda Joshua Glick: «Pietà per il mille volte martire Moataz Hijazi». L'ultimo episodio è di pochi giorni fa. Un post pubblicato l'8 ottobre dall'ambasciatrice sulla propria pagina Facebook, per celebrare «il rilascio del combattente, uno dei capi dei prigionieri, fratello Mahmud Jabarin (Abu Halmi)», dopo trent'anni trascorsi in una prigione israeliana. «Abu Halmi è un combattente di Fatah, siamo orgogliosi di lui. Lode a Dio. Libertà per tutti i nostri prigionieri». Scritto pure questo in arabo, ad uso e consumo del suo popolo. Il leader che chiama «fratello» è un assassino, condannato nel 1988 per l'omicidio di un palestinese. Di certo non l'esemplare più brutto nel pantheon terroristico di Mai Al Kaila, che in casa sua difende la guerra e a Montecitorio è invitata per parlare di pace.

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT