Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

Libero Rassegna Stampa
03.09.2014 Norvegia: ecco il primo Paese 'Judenrein' in Europa
Cronaca di Michael Sfaradi

Testata: Libero
Data: 03 settembre 2014
Pagina: 5
Autore: Michael Sfaradi
Titolo: «La Norvegia ha superato addirittura i nazisti: gli islamici impongono la cacciata degli ebrei»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 03/09/2014, a pag. 5, con il titolo "La Norvegia ha superato addirittura i nazisti: gli islamici impongono la cacciata degli ebrei", l'articolo di Michael Sfaradi.


Michael Sfaradi


"Stai entrando in un luogo controllato dalla Shariah. Imposizione della legge islamica"

Gli ultimi 819 ebrei norvegesi stanno per lasciare il Paese, ancora non è deciso il periodo della partenza che probabilmente non sarà di massa ma a scaglioni. La Norvegia sarà così la prima nazione europea dove gli ebrei, di fatto, non potranno più vivere, al loro posto ci saranno le sempre più numerose e agguerrite comunità islamiche che secondo l'andamento delle nascite nel giro di pochi anni saranno la maggioranza della popolazione. Non è difficile capire che le regole democratiche, alla fine, consegneranno la nazione intera in mano a persone che non hanno radici nella penisola scandinava e che seguendo le loro tradizioni politiche e sociali la stravolgeranno completamente. Gli ebrei lasciano il Paese perché in Norvegia la forte presenza musulmana, con l'odio insito nei confronti degli infedeli, con la complicità delle istituzioni che non hanno mai preso provvedimenti al fine di proteggere le persone e i luoghi di culto martellati da continui attacchi antisemiti, è riuscita nel giro di pochi anni a rendere impossibile la vita alle piccole comunità ebraiche. L'appello più accorato è stato di Anne Sender, esponente dell'ebraismo locale, scrittrice e vincitrice del premio «Libertà di espressione», sul quotidiano Aftenposten nel febbraio 2013, dove preannunciava l'abbandono della Norvegia da parte di tutti gli ebrei. La Sender era stata pesantemente criticata dalla stampa norvegese che l'aveva definita una «Cassandra» e a poco più di un anno di distanza scopriamo che Cassandra aveva ragione. In questo pezzo d'Europa si sta realizzando lo Stato «Judenrein» il sogno del vecchio Führer: un'Europa senza ebrei, e a riuscire nell'impresa dove fallì il nazismo è l'Islam estremista che strumentalizza la situazione in Medioriente per giustificare, davanti al complice silenzio di un continente intero, atti che fino a poco tempo fa erano considerati inaccettabili. Durante l'operazione israeliana "Margine Protettivo" nella Striscia di Gaza, ci sono state in Norvegia manifestazioni oceaniche contro Israele dove gli slogan antisemiti sono stati urlati senza sosta, mentre le tre manifestazioni di sostegno al governo israeliano, organizzate dalle comunità ebraiche e dalle associazioni di amicizia con Israele, si sono potute tenere unicamente grazie alla presenza delle forze dell'ordine schierate a protezione dei manifestanti. La Norvegia non sarà solo la prima nazione europea senza ebrei, ma visto l'andamento potrebbe avere anche il primato dell'introduzione democratica della Sharia come legge dello Stato, sia dal punto di vista civile che penale. Si tratta però del primo tassello di un domino che in breve tempo coinvolgerà tutto il vecchio continente, i dati sono agghiaccianti. Dopo la Norvegia sono la Svezia e la Finlandia, infatti, le prossime candidate.

Per inviare la propria opinione a Libero, telefonare 02/999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui