martedi` 13 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
12.10.2010 Roberto Saviano attaccato per aver partecipato alla maratona oratoria pro Israele
Cronaca di Alfredo Barba

Testata: Libero
Data: 12 ottobre 2010
Pagina: 13
Autore: Alfredo Barba
Titolo: «Se difende Israele odiano pure Saviano»

Riportiamo da LIBERO di oggi, 12/10/2010, a pag. 13, l'articolo di Alfredo Barba dal titolo " Se difende Israele odiano pure Saviano ".


Roberto Saviano

Da qualche tempo - più o meno cioè da quando ha rilasciato un’intervista a Pietrangelo Buttafuoco citando Céline - Roberto Saviano non è più molto gradito al folto popolo progressisti che per anni lo ha adorato, citando acriticamente il suo bestseller Gomorra quasi fosse oro colato. Se lo scrittore campano si era attirato qual- che antipatia per le sue fre- quentazioni con i “fascisti”, nei giorni scorsi ha commesso un crimine anche peggiore: ha simpatizzato per lo Stato di Israele.
Giovedì scorso, infatti, ha partecipato alla manifestazio- ne organizzata da Fiamma Nirenstein a favore del Paese ebraico (“Per la verità, per Israele”) pronunciando un in- tervento contro «la delegitti- mazione di una cultura e di un popolo» come quello israelia- no. Non l’avesse mai fatto.
Il popolo di Internet si è mobilitato in massa. Da Facebook a Youtube a Indymedia, gli ultà di sinistra l’hanno bersagliato. Qualcuno si augura che allo scrittore venga tolta la scorta. Qualcun altro ha pubblicato su Youtube un filmato che riprende l’intervento di Roberto via video alla manifestazione. I titoli dei contributi sul sito web sono eloquenti. Il primo video di Saviano è intitolato “Saviano: le mie origini ebraiche”. Il fatto che lo scrittore parli del suo retaggio culturale e di suo nonno, che gli parlava di Gerusalemme, è considerato un marchio di infamia. Le origini ebraiche sono ancora motivo di odio.
Il secondo video si chiama “Roberto Saviano sostiene il criminale Stato d’Israele”. Sot- to, fioccano commenti del tipo: «Finalmente il sionista schifoso si è palesato. Parla del fascino di città e di terre che sono state RUBATE calpestando le vite di migliaia e migliata di palestine- si» (lo scrive tale Malasorte).
Su Facebook il gruppoo “Roberto Saviano chieda scusa alla Palestina e ai palestinesi” conta centinaia di iscritti. Su In- dymedia si trova, ancora, il ri- chiamo al video sulle origini ebraiche, ripreso anche da altri siti, con commenti tutt’altro che gentili. Già nel 2009 l’autore di Gomorra aveva preso posizione sullo Stato ebraico, dialogando con il presidente Shimon Peres e attirandosi immediatamente diatamente gli strali del Forum Palestina e di una serie di ex ammiratori. Finché paragonava gli imprenditori italiani ai boss mafiosi, Saviano era un santino intoccabile. Da quando parla con affetto di Israele, gli amici progressisti vorrebbero fargli fare la fine di Gomorra. La città biblica, non il libro.

Per inviare la propria opinione a Libero, cliccare sull'e-mail sottostante


segreteria@libero-news.eu

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT