giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






L'Espresso Rassegna Stampa
05.09.2014 Iron Dome: il miracolo tecnologico che ha segnato la guerra di Gaza
Analisi di Naor Gilon, ambasciatore di Israele in Italia

Testata: L'Espresso
Data: 05 settembre 2014
Pagina: 57
Autore: Naor Gilon, ambasciatore di Israele in Italia
Titolo: «Con Iron Dome Israele difende i suoi figli»

Riprendiamo dall'ESPRESSO di oggi, 05/09/2014, a pag. 57, con il titolo "Con Iron Dome Israele difende i suoi figli", l'articolo di Naor Gilon, ambasciatore di Israele in Italia.


Naor Gilon


L'Iron Dome di Israele e di Hamas a confronto

Nel corso dei 50 giorni di attacchi scatenati da Hamas sono stati lanciati da Gaza offre 4.500 razzi, il cui obiettivo era colpire e uccidere deliberatamente civili israeliani. Israele ha sviluppato un sistema d'intercettazione missilistica unico al mondo, chiamato Iron Dome (Cupola di Ferro), in grado di stimare se un missile cadrà in campo aperto o in zone abitate, e di conseguenza di provvedere a eliminarlo in volo. Iron Dome ha intercettato oltre 600 missili, con un impressionante tasso di successo pari al 90 per cento, e ha fatto sì che il numero di vittime civili israeliane fosse relativamente basso in proporzione alla pioggia di razzi caduti. Non v'è dubbio che questo sistema offra un vantaggio significativo alla capacità di resistenza del fronte interno israeliano, che Hamas ha trasformato in fronte principale del conflitto. Consente inoltre ai governanti di prendere decisioni con un livello di pressione molto minore da parte dei cittadini, e di ponderare bene prima di attivare la forza militare.
Ma il successo di Iron Dome ha avuto un prezzo in termini di opinione pubblica mondiale. C'è chi ha iniziato a lamentare le sproporzioni nei numeri delle vittime, e Israele si è trovato costretto quasi a "giustificarsi" per essere riuscito a difendersi. Bisognerebbe invece domandarsi perché, mentre Israele sviluppava missili per difendere i suoi cittadini, Hamas utilizzava i suoi civili corne scudi umani per i suoi missili. Perché, mentre Israele costruiva rifugi, Hamas faceva uso del cemento e del ferro destinati a scuole e ambulatori per costruire bunker per i leader e gli armamenti, o gallerie sotterranee che penetrano in territorio israeliano? La risposta è nel fatto che Hamas, temendo le capacità militari israeliane, aveva un chiaro doppio interesse per un unico obiettivo: esercitare pressione internazionale su Israele, mirando non solo a uccidere il maggior numero possibile di civili israeliani innocenti, ma anche a causare un elevato numero di vittime civili fra i palestinesi a Gaza. Ma la reale difficoltà di Israele a far comprendere al mondo le proprie posizioni deriva dal fatto che molti vedono in Gaza un conflitto politico-territoriale. Non capiscono che Hamas è un'organizzazione terroristica, simile all'Is e Boko Haram, che ha preso il potere a Gaza con la forza nel 2007. Un'organizzazione sanguinaria che è sostenuta da Qatar e Iran e mette a morte la sua stessa gente con esecuzioni pubbliche nelle piazze, senza processo; che vessa le minoranze, compresa quella cristiana, il cui numero a Gaza è drasticamente diminuito. Nel suo statuto invoca la distruzione dello Stato d'Israele e l'uccisione degli ebrei ovunque si trovino. Non accetta l'esistenza dello Stato ebraico, quali che siano i suoi confini. E si rifiuta di riconoscere Israele e gli accordi esistenti fra quest'ultimo e l'Anp.
Spero non occorra troppo tempo affinché l'Occidente si svegli e capisca che Israele è attaccato perché si trova in Medio Oriente e viene percepito dall' Islam estremista come un avamposto degli "infedeli occidentali", e che il vero obiettivo di queste organizzazioni è la creazione di un califfato islamico in tutto il Medio Oriente e in Europa. Per raggiungere l'obiettivo uccidono chiunque non sia esattamente come loro, persino se sono musulmani. Gli Stati pragmatici in Medio Oriente lo hanno già compreso, e si è reso evidente anche con il loro comportamento nel corso dell'operazione a Gaza. Non chiediamo che l'Occidente combatta per noi, ma ci aspettiamo il suo sostegno nella lotta a questa minaccia che riguarda noi tutti. Sono grato dunque agli sviluppatori di Iron Dome, che ha protetto la vita dei miei figli e della mia famiglia in Israele. Israele è l'unica democrazia liberale in Medio Oriente e l'unico Stato ebraico al mondo, e aspira alla pace sin dal giorno della fondazione, mostrando disponibilità a pagare anche prezzi pesanti per conseguire la tanto desiderata pace. Allo stesso tempo, abbiamo il dovere di difenderci dalle organizzazioni terroristiche, anche per i nostri fratelli ebrei nel mondo, che sentono il peso di un crescente antisemitismo. Se qualcuno dovesse ancora chiedermi della sproporzione nelle vittime a Gaza, gli domanderò quanti civili israeliani devono morire, secondo lui, perché la nostra guerra esistenziale sia considerata proporzionata.

Per inviare la propria opinione all'Espresso, cliccare sulla mail sottostante


letterealdirettore@espressoedit.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.