giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
17.02.2021 Washington-Gerusalemme: la telefonata che non arriva
Analisi di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 17 febbraio 2021
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Washington-Gerusalemme: la telefonata che non arriva»
Washington-Gerusalemme: la telefonata che non arriva
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


Biden, Iran: Do Democrats mean Detente with Iran?
Joe Biden

Sulla scrivania del Primo Ministro israeliano il telefono resta muto. In carica dal 20 gennaio, Joe Biden, il nuovo Presidente americano non sembra avere fretta di contattare il suo vecchio amico Binyamin Netanyahu. Si conoscono da molto tempo. Biden, allora vice presidente, non dichiarò durante un dibattito nel 2012 “Ora, riguardo a Bibi, lui è mio amico da 39 anni”-? Solo che da allora molta acqua è passata sotto i ponti del Potomac. Un leggero gelo sembra essersi stabilito tra queste vecchie conoscenze. Un Presidente non può permettersi di tenere conto delle vecchie amicizie; tanto più che rimprovera a quello che non molto tempo fa chiamava “Bibi”, di aver sostenuto apertamente il suo predecessore repubblicano Donald Trump.

Risultato immagini per biden netanyahu+
Joe Biden con Benjamin Netanyahu

Tuttavia, dopo quasi mezzo secolo di presenza sulla scena politica americana, dovrebbe pur sapere come trovare il giusto equilibrio. Solamente deve tener conto dell’ala sinistra, ma soprattutto l'estrema sinistra, del suo partito. Ci sono uomini, e soprattutto donne, per i quali il nome stesso di Netanyahu è un anatema. Ci sono persone che sostengono apertamente il boicottaggio di Israele e altre che vorrebbero vedere volentieri lo Stato ebraico scomparire per far posto a una Palestina che si estende dal fiume Giordano al Mediterraneo.  E poi c'è l'Iran. Un argomento su cui lui vorrebbe arrivare a una soluzione negoziata, per non dire a un compromesso, mentre il premier israeliano si mostra intransigente. Quindi esita, rivendicando preoccupazioni più urgenti. Nel frattempo sta prendendo pericolose mezze misure. Condanna l'intervento dell'Arabia Saudita contro gli Houthi nello Yemen, mentre ribadisce il suo fermo sostegno a Riad. Lungi dall'essergli grati, gli Houthi - armati, finanziati e addestrati dall'Iran - stanno intensificando i loro attacchi contro il regno.  Sospende sine die la vendita di F35 e di altre attrezzature avanzate destinate ad aiutare l'Arabia a difendersi dall'Iran, dando una battuta d’arresto agli Accordi di Abramo, uno dei maggiori successi dell'amministrazione Trump.

Un messaggio molto poco compreso dai suoi fedeli alleati del Golfo ma accolto molto bene dagli ayatollah che continuano la loro corsa alle armi nucleari moltiplicando le dichiarazioni bellicose. Teheran è indubbiamente deliziata da quello che assomiglia molto a un raffreddamento dei legami tra il piccolo e il grande Satana. Ci sono forse considerazioni meno confessabili. Telefonare rappresenta un doppio pericolo. Il primo, suscitare l'ira dell’ala sinistra del suo partito, mentre sta cercando di affermare la propria autorità e di posizionare i suoi uomini. Il secondo, conosce troppo bene “il suo amico Bibi”, senza dubbio uno dei politici più affermati della sua generazione. Uno che non mancherebbe di sbandierare il tanto atteso colloquio con il nuovo inquilino della Casa Bianca per trarne profitto nel bel mezzo della propria campagna elettorale. Il Presidente pertanto non si chiede in che cosa l'attesa cambierebbe questa equazione.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.