giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
04.02.2021 L'Autorità palestinese e il virus
Deborah Fait risponde a una lettrice

Testata: Informazione Corretta
Data: 04 febbraio 2021
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «L'Autorità palestinese e il virus»

Virus e Spillover - CDI Centro Diagnostico Italiano

Vi segnalo due articoli comparsi sul quotidiano online Il Post 
nei quali l'intera Cisgiordania e la striscia di Gaza risultano "zone occupate" di cui Israele dovrebbe farsi carico per le vaccinazioni (in linea con l'idea strampalata ed in fondo razzista secondo la quale i palestinesi sono da un lato uno stato (con le sue istituzioni) che deve essere riconosciuto dalla comunità internazionale, dall'altro sono dei bambini incapaci di usare queste stesse istituzioni ed hanno bisogno del "papà" Israele per venire incontro ai problemi della loro popolazione Purtroppo questo sito non prevede le lettere dei lettori per cui non posso scrivere una protesta. Grazie ! 

Donatella Misler

Gentile Donatella,
è una grande vergogna che tutto il mondo, da quando è incominciato il corona virus, si preoccupi dei palestinesi come se fossero dei bambini incapaci di pensare a se stessi. L'AP ( Autonomia Palestinese) ha un ministero della salute che è legalmente responsabile della salute dei palestinesi, questo anche secondo gli accordi di Oslo. L'AP riceve ogni anno milioni di dollari e di euro che non si sa che fine facciano, oltre ad entrare nei conti esteri dei vari boss, da Abu Mazen in giù fino all'ultimo picciotto di una certa rilevanza. Il resto, milioni ogni anno, va ai "martiri" prigionieri e alle loro famiglie perché, secondo Abu Mazen " …i martiri sono le stelle nel cielo della resistenza palestinese e hanno la priorità su tutto". Io penso sia logico che Israele pensi prima alla salute dei propri cittadini: ebrei, arabi, drusi, beduini e dopo agli stranieri. I prigionieri nelle carceri israeliane, di qualsiasi etnia essi siano, anche arabi palestinesi ovviamente, sono stati vaccinati, tutti. Israele ha già mandato in due volte 2000 dosi di vaccino, poi altre 5000. Nei prossimi giorni manderà altre 20.000 dosi naturalmente accompagnate da personale medico israeliano per insegnare loro come si fa . La Russia ha mandato 10.000 dosi di Sputnik. E loro continuano a fare la questua e a tendere le mani in attesa che qualcosa vi cada dentro. E' colpa di Israele se nell'Autonomia Palestinese sono ancora a zero vaccinazioni? Il mondo deve decidere se ritiene che i palestinesi siano persone pensanti e autonome che, avendo i soldi e ne hanno tanti, i vaccini se li potrebbero comprare senza aspettare la carità o se sono dei poveretti incapaci di autogovernarsi. Da ricordare che l'AP ha smesso ogni contatto con Israele da 6 mesi e che Abu Mazen rifiuta di incontrare Netanyahu da anni. Però pretendono gli aiuti. Lo trovo indegno da parte della dirigenza palestinese e mi dispiace per la sua popolazione vessata da corrotti e terroristi.
Un cordiale shalom

Ps. Allego il link del Jerusalem Post odierno che spiega bene la situazione: https://www.jpost.com/israel-news/coronavirus-vaccinating-palestinians-is-in-israels-interests-netanyahu-657583

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.