giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
04.02.2021 Il mondo arabo e la Shoah
Analisi di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 04 febbraio 2021
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «Il mondo arabo e la Shoah»
Il mondo arabo e la Shoah
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


Quest'anno la Giornata Mondiale della Memoria della Shoah, fissata per il 27 gennaio, è stata per la prima volta celebrata - un po’ - nel mondo arabo: c'è stato un incontro, via zoom, in lingua araba con partecipanti e personalità del Bahrein, degli Emirati Arabi Uniti e del Marocco, e ovviamente di Israele. In particolare sono intervenuti Eitan Na'eh, l'Ambasciatore israeliano negli Emirati, e Natan Sharansky, mentre la figlia di una sopravvissuta alla Shoah ha testimoniato a nome della madre scomparsa. Questa iniziativa, frutto degli Accordi di Abramo, è molto gradita, soprattutto perché i Paesi arabi coinvolti si sono impegnati nella lotta contro l’antisemitismo. Purtroppo ci vorrebbe molto di più per abbattere le barriere dell'incomprensione e, bisogna proprio sottolinearlo, quelle dell'odio che avviluppano la verità della Shoah nel mondo arabo. Alla radice c’è un'ignoranza assoluta, profonda e deliberata della sua storia. Non la si impara: non esiste il pur minimo riferimento nei libri di testo. Se viene affrontato l'argomento, soprattutto sulla stampa, molto spesso è per negare la sua esistenza; poi si parla del “cosiddetto” olocausto che gli ebrei avrebbero inventato per giustificare i loro crimini; più raramente, ma ahimè ancora troppo spesso, è per lodare Hitler, che ancora oggi è venerato in Egitto. Si è potuto così leggere sul quotidiano AL Akhbar del 24 aprile del 2001 questo testo terrificante: “Grazie a Hitler, di benedetta memoria, che a nome dei palestinesi, si è vendicato contro i criminali più vili sulla faccia della terra, e se abbiamo qualcosa da rimproverargli, è che la sua vendetta non è stata sufficiente.” Sappiamo che l’Iran organizza un concorso annuale di caricature sulla Shoah con numerosi premi. Per quanto riguarda Mahmoud Abbas, l’ex numero due di Yasser Arafat che, dalla morte di quest'ultimo, ha presieduto ai destini dell’Autorità Palestinese, nel 1982 aveva discusso una tesi di dottorato all'Università Patrice Lumumba di Mosca, a cui aveva dato il suggestivo titolo “I rapporti segreti tra il nazismo e il sionismo”.

Risultato immagini per Natan Sharansky
Natan Sharansky

In essa sosteneva che la cifra di sei milioni di vittime fosse enormemente esagerata e che invece si aggirasse, tutt’al più, intorno ad un milione. I sionisti, affermava in questo elaborato, erano “il principale partner del Terzo Reich nel crimine”. L'autore non solo non ha mai sconfessato o modificato questo testo edificante, ma nel 2011 ha incoraggiato la sua pubblicazione così com'è, in arabo, presso una casa editrice di Ramallah. Per un triste paradosso, i Paesi arabi che rifiutano di riconoscere il genocidio del popolo ebraico rappresentano regolarmente i soldati israeliani sotto forma di nazisti, mentre gli arabi diventano le loro vittime, alcuni resi in modo caricaturale, con indosso gli abiti a righe dei deportati. Il pernicioso insegnamento fornito nelle scuole di Ramallah, come a Gaza, intessuto di un virulento antisemitismo, avvelena le menti dei giovani. Certamente qua e là ci sono anche delle eccezioni. Da diversi anni degli imam e altre personalità dell'Islam, partecipano a dei pellegrinaggi ai campi di sterminio. Ora c'è un inizio di presa di coscienza nei Paesi che hanno fatto la pace con Israele. Purtroppo, questo è di gran lunga insufficiente.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.