domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
25.01.2021 IC7 - Il commento di Davide Romano: Il Giorno della Memoria e i perché necessari
Dal 18 al 23 gennaio 2021

Testata: Informazione Corretta
Data: 25 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: Davide Romano
Titolo: «IC7 - Il commento di Davide Romano: Il Giorno della Memoria e i perché necessari»
IC7 - Il commento di Davide Romano
Dal 18 al 23 gennaio 2021

Il Giorno della Memoria e i perché necessari

Appuntamenti dedicati al Giorno della Memoria | TorinoGiovani

L'istituzionalizzazione del Giorno della Memoria è stato vissuto da troppi come la fine di un percorso. Doveva invece rappresentarne l'inizio. Quando un evento diventa una ricorrenza pubblica, bisogna infatti subito porsi il problema di come evitare che diventi una celebrazione vuota e retorica, se non addirittura noiosa. Se è utile dunque ringraziare gli sforzi dei tanti che sono andati a parlare - e lo fanno ancora oggi, sebbene virtualmente - in scuole, comuni o altri luoghi della cultura, è altrettanto indispensabile porsi domande scomode: a cosa serve? La prima risposta, seppure banale, è: "ricordare, perché non accada più". Ma cosa vogliamo che non accada più? e qui entra in gioco la politica che, come sempre, quando si occupa di storia non fa che disastri e falsificazioni per piegarla alle proprie convenienze. E' evidente che il Giorno della Memoria dovrebbe essere dedicato a quelle minoranze (ebrei, gay, Rom, disabili, cristiani, oppositori politici, ecc.) perché non siano più perseguitate. Ma certa politica è riuscita in un impresa incredibile: ricordare gli ebrei massacrati dai nazisti e nel contempo dimenticarsi di difendere i loro nipoti che vivono in Israele oggi. Ma non è una novità. Pensiamo solo agli ebrei dell'Unione Sovietica: negli anni '80 era lampante questa incoerenza. Ricordo la solitudine dell'ebraismo italiano in quegli anni, fatto salvo il Partito Radicale e pochi altri liberali e riformisti.

27 gennaio, Giornata della Memoria: ricordare le vittime e combattere la  discriminazione dell'uomo contro altri uomini - Comune di Cormano

Negli ultimi decenni la persecuzione antiebraica in Europa da parte degli estremisti islamici è stata altrettanto sottaciuta. Ma anche questa non è una novità: come non ricordare infatti l'esodo di quasi un milione di ebrei cacciati dai Paesi arabi nel secondo dopoguerra, di cui nessuno si è accorto in Europa? Stiamo insomma tradendo quel "mai più" già da decenni. Il motivo è semplice: in tanti, in troppi, hanno interpretato il Giorno della Memoria come un momento di ricordo della crudeltà nazi-fascista. Non deve essere solo quello. E' doveroso invece capire che è la democrazia che va difesa. Sempre e da tutti i suoi nemici. Dalle minacce dei neonazisti certo, ma anche da quelle dei neocomunisti e dagli estremisti religiosi. Il Giorno della Memoria che vorrei, dovrebbe essere insomma un luogo dove non solo ricordare cosa è accaduto, ma perché è successo. E tra le cause, faccio incidentalmente notare che raramente si parla del disastro economico della repubblica di Weimar e di un'inflazione folle che faceva sì che un dollaro nel dicembre del 1932 valesse 4mila miliardi di marchi tedeschi. Un tema che, visto il Paese indebitatissimo e traballante in cui viviamo, sarebbe il caso di affrontare. Sempre che i professionisti dell'antirazzismo non se ne abbiano a male, naturalmente.


Davide Romano
Conduttore televisivo, scrittore, collabora con La Repubblica - Milano
Già Assessore alla Cultura della Comunità ebraica di Milano


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT