domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
21.01.2021 Continua la disinformazione su Avvenire
Deborah Fait risponde a una lettrice

Testata: Informazione Corretta
Data: 21 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Disinformazione su Avvenire»


logo-avvenire - Alessandro Rosina

Ma ancora vi stupite che il giornale dei vescovi, meglio conosciuto come "Avvenire" chiami Israele "Terrasanta"? Io neanche un po'. La chiesa cattolica romana deve fare pace con la sua storia millenaria; ancora oggi molti, tra vescovi, cardinali, nobiltÓ nera romana, Ordine dei Gesuiti deve imparare ad accettare che il Nazzareno era ebreo, era un rabbi, ma proprio non ci riescono. Bisogna avere pazienza, ancora a lungo. Salom,

Lara Zinci

Gentile Lara,
Non ci stupiamo di nulla ormai per quanto riguarda i media vaticani. La storia millenaria della chiesa cattolica non ha mai pensato di riconoscere gli errori fatti e le persecuzioni contro gli ebrei che oggi continuano senza la violenza fisica come un tempo (400 anni di Inquisizione), ma con acume e furbizia. L'ebraicitÓ di Ges¨ viene messa in discussione da anni, ebbe inizio negli anni 70, quando l'Italia era una dei paesi pi¨ ostili a Israele, da alcuni sacerdoti di sinistra e fu immediatamente assimilata dal "popolo bue", per citare Manzoni, che lo considerava facilmente addomesticabile e disposto a credere alle ciarlatanerie di un qualsiasi pretonzolo o tiranno ignorante. Papa Woytila ha tentato debolmente di rimediare parlando di Ges¨ ebreo ma Papa Francesco ha reso tutto inutile andando a celebrare la messa nella piazza della Mangiatoia di Betlemme sotto un'enorme quadro raffigurante Ges¨ bambino in kefiah. Era il maggio del 2014. Il messaggio Ŕ stato potente e terrificante. Ha voluto cambiare la storia offendendo ebrei e cristiani trasformando l'ebreo Ges¨ in un piccolo arabo. Un cambiamento dovrebbe venire dal capo della Chiesa ma non sembra che vi sia la volontÓ.
Un cordiale shalom

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT