domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
05.01.2021 Cecilia Cohen Hemsi e Angela Polacco replicano a Flavio Lotti
La cronaca dell'agenzia AISE che falsifica la storia di Israele

Testata: Informazione Corretta
Data: 05 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: AISE
Titolo: «Cecilia Cohen Hemsi Nizza e Angela Polacco Lazar replicano a Flavio Lotti»
Riprendiamo dall'agenzia AISE la cronaca dal titolo "Cecilia Cohen Hemsi Nizza e Angela Polacco Lazar replicano a Flavio Lotti".

Flavio Lotti: mi candido per protesta (18/01/2013) - Vita.it
Flavio Lotti

Dal Comites in Israele riceviamo e pubblichiamo la replica di Cecilia Cohen Hemsi Nizza e Angela Polacco Lazar, entrambi residenti in Israele, ad un articolo a firma di Flavio Lotti pubblicato nei giorni scorsi dall’AISE.

L'Egitto di mio padre - Moked
Cecilia Cohen Hemsi Nizza

Lettera aperta a Monica Maggioni, direttrice di Rainews 24 | Italo Somali
Angela Polacco


“Abbiamo letto l’articolo di Flavio Lotti, pubblicato recentemente sulla pagina dell’Agenzia Internazionale Stampa Estero (AISE). Sul fatto che esprima il suo rincrescimento perché “la televisione e i grandi mezzi di comunicazione hanno smesso di illuminare il luogo della nascita di Gesù”, non abbiamo nulla da ridire. Ma esprimiamo la nostra costernazione quando leggiamo che Betlemme è in perenne lockdown e non per colpa del RaCovid ma per “l’occupazione militare israeliana” che, con i muri che ha costruito intorno alla città, mostra il suo vero volto. Forse il signor Lotti non ricorda che questo muro fu costruito per porre un freno agli attentati terroristici che durante la seconda intifada, dal 2000 hanno insanguinato le strade di Israele. Il signor Lotti dovrebbe sapere che i cristiani a Betlemme e Bet Jalla sono ridotti a 9.000 anime su una popolazione di 45.000 persone, quando prima del suo passaggio sotto l’Autorità Nazionale Palestinese erano l’80%. Israele si è ritirata da Betlemme e dintorni nel 1995 in seguito all’”Accordo di Oslo“ del 1994. Quanto a Gaza, controllata dell’Autorità Nazionale Palestinese dal 1995, Lotti forse non sa che dal 2005 è stata completamente evacuata dagli israeliani, finendo sotto dittatura del gruppo terroristico di Hamas nel 2006, in perenne conflitto con l’ANP. La popolazione cristiana della Striscia si è ridotta oggi a circa 700 persone a causa della continua emigrazione dovuta alla costante intolleranza religiosa. Due stati due popoli. Forse al signor Lotti servirebbe un piccolo ripasso di storia. Nel novembre 1947, l’Onu votò la spartizione di quello che rimaneva del territorio del Mandato Britannico in due Stati, uno ebraico, l’altro arabo. Mentre Israele l’accettò, gli arabi lo respinsero, attaccando il neonato stato con l’intenzione di buttare a mare i suoi abitanti. Questo rifiuto si è ripetuto continuamente, segnato dalle continue guerre provocate sempre dal mondo arabo per distruggere quella che viene da loro chiamata ”l’entità sionista”. Meno male che Israele è stato più forte, altrimenti non saremmo qui a parlarne o dovremmo organizzare un’altra giornata della memoria. Nel suo articolo il signor Lotti esprime il suo profondo pregiudizio non nominando mai Israele con il suo nome, ma usando l’espressione Terra Santa. Parlando di Betlemme, afferma che è il “posto dove tutto è cominciato”: in questo ha ragione, perché a Betlemme è nato David, figlio di Ishay, futuro re di Israele e progenitore del Messia. Il signor Lotti prende Betlemme come simbolo delle tragedie che stanno insanguinando varie zone dell’Africa e dell’Asia, praticamente accusando Israele di esserne la causa. Un’accusa infamante che, con l’accenno a Erode, evoca il pregiudizio plurimillenario che ha reso la vita degli ebrei, nelle varie epoche, una tragedia. Il Natale, come tutte le feste, dovrebbe rappresentare pacificazione, felicità e serenità. Questo momento anche quest’anno e come spesso accade non si è verificato perchè proprio da Gaza sono partiti due missili diretti sulla popolazione civile del sud d’Israele, che di nuovo si è dovuta chiudere nei rifugi”. (aise)

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT