domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
04.01.2021 IC7 - Il commento di Deborah Fait: Vaccini, Israele primo Paese al mondo
Dal 28 dicembre al 2 gennaio 2021

Testata: Informazione Corretta
Data: 04 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «IC7 - Il commento di Deborah Fait: Vaccini, Israele primo Paese al mondo»
IC7 - Il commento di Deborah Fait
Dal 28 dicembre al 2 gennaio 2021

Vaccini, Israele primo Paese al mondo

Coronavirus (COVID-19) Vaccinations - Statistics and Research - Our World in  Data
Israele, primo Paese al mondo per il vaccino anti-Covid

Mentre in Europa si disegnano senza sosta svastiche nei cimiteri, è appena accaduto anche a Fontainebleau. Mentre, sempre in Europa, l'israeliana Yael Shelbia, incoronata come "il volto più bello del mondo 2020", sta ricevendo minacce di morte e insulti razzisti pieni di rabbia. Mentre, in questa povera Europa ormai annegata nel politicamente corretto, si cancellano i classici se non "adeguati" e soprattutto "colorati" e si tinge di nero Beethoven, si sostituiscono i ballerini bianchi dell'Opera di Parigi con altrettanti di colore più scuro. Mentre nell' Italia del volemose bene si cerca di giustificare l'assassino di Agito Gudeta, la pastora etiope che in Trentino amava e curava le capre della sua azienda… "Chissà com'è stata la sua infanzia, bisogna capirlo" dicono (delusi di non poter incolpare un bianco razzista e fascista) del trentaduenne ghanese, Adam Suleimani, che dopo averla colpita con un martello, l'ha ripetutamente stuprata mentre stava morendo.

Mentre la BBC, prendendo a calci la storia, parla di Gesù "rifugiato palestinese", e giornalisti, accecati dall'ossessione antiebraica, lo descrivono come un palestinese del primo secolo ignorando che il nome di Syria Palaestina fu dato alla Giudea solo nel 135 d.C. e che Gesù fosse ebreo, di madre e padre ebrei, discendente della Casa di Davide. E mentre Ghada Majadli, direttrice per i diritti umani dell'ANP ( pare ridicolo parlare di diritti umani da quelle parti), scrive che Israele ha il dovere morale di vaccinare gli arabi-palestinesi di Gaza e dell'ANP, dimenticando che per quella gente Israele non esiste, che ogni secondo giorno Hamas e la Jihad palestinese sparano missili contro i nostri civili, che spendono milioni di dollari in armi, missili e per scavare tunnel ed entrare nel paese per ammazzare. Perché non usano tutti i soldi con cui l'Europa li ricopre per comprarsi i vaccini? Israele cura i loro bambini, i loro malati nei suoi ospedali e adesso vogliono anche i vaccini?  https://www.haaretz.com/misc/writers/WRITER-1.9407309

Pensino alla loro popolazione invece di sbraitare che distruggeranno Israele. Se li facciano mandare dall'Europa che li ama tanto o dal Qatar che li arma e finanzia il terrorismo. Su questo i media europei vanno a nozze perché potersi inventare storie contro Israele li esalta e allora scrivono che "Israele non vaccinerà i prigionieri palestinesi" sordi alle dichiarazioni del governo israeliano ( e anche dell'ANP) che tutti i prigionieri saranno vaccinati e tutti significa anche gli arabi palestinesi. Infine, mentre in Italia si pensa di allestire tendoni vaccinali a forma di primule e di quadrifogli ma ancora niente è stato fatto e in Europa pare che i vaccini scarseggino…  ecco che, mentre molti cazzeggiano o si nutrono di odio antisemita,  Israele ha raggiunto un milione di vaccinati nel giro di 13 giorni!

the Dry Bones Blog
Il tributo di Dry Bones a Jonathan Pollard e alla moglie Esther: "Benvenuti a casa"

Primo paese al mondo, il piccolo Israele, senza tendoni a fiorellini e senza tanti vuoti e inutili discorsi, ha aperto centinaia di centri di vaccinazione in ogni città e villaggio del paese,  che operano ventiquattro ore/7, ogni giorno, comprese le festività. Si vaccina senza sosta e un milione di fiale del Moderna sono già arrivate da aggiungere allo Pfeizer. Il nostro primo ministro, quello che tanti odiano e vorrebbero vedere strisciare nella polvere, ha fatto il miracolo e si pensa che entro marzo tutti gli israeliani saranno vaccinati. Tutti meno quei quattro idioti di Tel Aviv che sono andati a far festa a Dubai portandosi dietro della droga, rischiano fino a 20 anni di galera, non glieli auguro ma io li prenderei volentieri a calci. La settimana che è appena finita ha portato anche un'altra bella notizia per Israele, l'arrivo di Jonathan Pollard e di sua moglie Esther, dopo 35 anni di cui quasi 30 in prigione per un crimine che, secondo la legge degli Stati Uniti, non contempla più di 4 o 6 anni.  Pollard, avvisando Israele della potenza militare degli arabi nel lontano 1985, non aveva messo in pericolo l'America ma era ebreo e questo ha fatto sì che fosse condannato all'ergastolo senza processo. Ogni primo ministro Israeliano ha chiesto, inutilmente,  la grazia per Pollard, finalmente Netanyahu con Donald Trump sono riusciti nell'intento portandolo finalmente a casa, in Israele. Due Leader, Bibi e Trump, che se non ci fossero bisognerebbe inventarli! L'anno per noi israeliani è incominciato bene, auguro a tutti un 2021 migliore e portatore di salute e serenità.

Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT