lunedi` 30 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
06.10.2020 ‘Inciviltà’ e sempre gli stessi discorsi
Commento di Michelle Mazel

Testata: Informazione Corretta
Data: 06 ottobre 2020
Pagina: 1
Autore: Michelle Mazel
Titolo: «‘Inciviltà’ e sempre gli stessi discorsi»
‘Inciviltà’ e sempre gli stessi discorsi
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


A destra: la copertina di Charlie Hebdo dopo l'attentato del gennaio 2015

Tutto è successo venerdì 2 ottobre 2020 a Parigi. In Francia. Il processo per gli attentati del 2015 è alla sua ventiduesima udienza. Si tratta di Charlie Hebdo ovviamente, ma anche dell’ Hyper Kosher, il negozio in cui gli ebrei che si trovavano lì per caso sono stati assassinati solo in quanto ebrei, da qualcuno che loro non conoscevano ma che è cresciuto nell’odio verso l’ebreo. Il Presidente Macron sta dando gli ultimi ritocchi al discorso che pronuncerà per presentare alla Francia un'accusa contro l'islamismo radicale che lui finalmente ha deciso di combattere. In precedenza, quel giorno avevamo appreso che era stato vandalizzato un ristorante kosher, situato nel XIXmo arrondissement, in rue Manin, a Parigi. Una manifestazione di antisemitismo come ce ne sono state tante in Francia negli ultimi anni. I dati del 2020 non sono ancora noti, ma nel gennaio di quest’anno il Ministero dell'Interno aveva denunciato un aumento del 27% per il 2019, dopo il balzo del + 74% registrato nel 2018, rispetto al 2017. Chi erano i criminali? Oltre ai danni materiali - pavimento allagato, sedie rovesciate - avevano lasciato dozzine di scritte per terra e sui muri. Un miscuglio di antisemitismo “classico”: svastiche, slogan nazisti, tag osceni come “Hitler aveva ragione” e “youpin” (“giudeo” in senso spregiativo, n.d.t) e per completare questo quadro tetro, “Free Palestine”. Come sempre in passato, i rappresentanti della Repubblica hanno espresso a gran voce la loro disapprovazione. Il Primo Ministro Jean Castex ha twittato: “Solidarietà con i nostri compatrioti di fede ebraica di cui condivido l'emozione e l'indignazione ”, aggiungendo: “La Repubblica resterà unita di fronte all'odio e combatterà ciascuno dei suoi fanatici”; ed il Ministro dell'Interno, Gérard Darmanin, minaccioso: “Queste immagini sono rivoltanti. Coloro che sputano il loro odio antisemita in faccia ai nostri connazionali ebrei mi troveranno sempre a sbarrare loro la strada.” Ma questi fomentatori di odio e gli altri fanatici stanno davvero tremando di fronte a questi bei discorsi e a queste minacce? E’ alquanto improbabile. Per decenni hanno sentito i presidenti, i primi ministri ed i ministri che si sono succeduti, pronunciare a caldo gli stessi discorsi e le stesse minacce che non hanno mai avuto alcun seguito nei fatti. 

Macron Vows Crackdown on Radical Islam in France - The New York Times
Emmanuel Macron

Consideriamo la parola “youpin”: in genere non sono gli islamisti ad usare questo termine, che ha invece sinistre radici francesi. E c'è sempre un pubblico pronto a negare la Shoah o a renderla oggetto di battute nauseabonde. Ma questo pubblico raramente attacca le persone. Purtroppo, non è lo stesso con coloro che invocano un islamismo radicale; i loro attacchi non si limitano a “inciviltà” come quella qui in questione. In dieci anni, quante vittime ebree ci sono state, prede di “assassini isolati”, di “squilibrati” o di terroristi che rivendicano il loro crimine in nome di questo islam radicale? Possiamo sperare che questa volta, le misure annunciate per frenare la minaccia abbiano anche un impatto sugli attacchi contro gli Ebrei che questo movimento ispira e strumentalizza? Ci piacerebbe crederci. Solo che, come ha commentato Rachida Dati, ex Ministro della Giustizia, il problema non è fare una legge, ma è quello di avere la volontà politica di applicare quelle già esistenti. 

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".




Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT