sabato 08 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
22.05.2020 Oggi è Yom Yerushalaim, il giorno di Gerusalemme
Analisi di Dror Eydar, Ambasciatore di Israele in Italia, video a cura di Giorgio Pavoncello

Testata: Informazione Corretta
Data: 22 maggio 2020
Pagina: 1
Autore: Dror Eydar
Titolo: «Oggi è Yom Yerushalaim, il giorno di Gerusalemme»
Oggi è Yom Yerushalaim, il giorno di Gerusalemme
Analisi di Dror Eydar, Ambasciatore di Israele in Italia, video a cura di Giorgio Pavoncello


Ecco il video, cliccare sull'immagine per vederlo:

YOM YERUSHALAYIM 2020/5780 - YouTube

Ecco l'analisi di Dror Eydar:

pagine ebraiche (@paginebraiche) | Twitter
Dror Eydar


Care amiche e cari amici,
buon "Giorno di Gerusalemme", Yom Yerushalaim sameach!
1. Dal profondo della distruzione, di fronte all’immane devastazione lasciata dall'Impero romano a Gerusalemme, il grande tannaita, il rabbino Akiva Ben-Yosef, ai suoi compagni piangenti, che osservavano dal Monte Scopus le rovine de Santuario sul Monte del Tempio, seppe citare la profezia della consolazione di Zaccaria: “Si vedranno ancora vecchi e vecchie seduti lungo le vie di Gerusalemme, e persone appoggiate al bastone per l’età avanzata. E le strade della città si riempiranno ancora di fanciulli e fanciulle che giocheranno nelle sue vie” (Zac 8,4-5). Lo disse con un grande sorriso in volto. In quei momenti, non vi fu più grande visionario di lui. Oggi sappiamo che quel visionario fu un profeta. Chiunque sia stato oggi a Gerusalemme, sa che la profezia di Zaccaria si è avverata. Rabbi Akiva credeva nella sua realizzazione, sebbene Gerusalemme fosse allora in rovina, e l’impero romano al suo culmine. Sapeva infatti che, finché il popolo di Israele è vivo, il suo cuore non può essere estirpato.
2. La frase “Gerusalemme è il cuore del popolo ebraico”, non è solo un bel modo di dire. Da quando siamo stati esiliati dalla nostra terra, e anche da prima, gli ebrei hanno rivolto i loro cuori in preghiera – ovunque si trovassero – verso Gerusalemme. “Orientamento del cuore” o “Intenzione del cuore”, questo è il termine usato dai nostri Saggi. Ma qui non abbiamo solo l’indicazione di una direzione geografica, bensì principalmente la regolamentazione della relazione spirituale tra Il popolo di Israele e Gerusalemme: regolarizzazione: “Ebrei! Ovunque voi siate, ovunque andiate, sappiate che il vostro cuore si trova a Gerusalemme”. E non solo nella preghiera. Pensate alla Benedizione per il cibo, la Birkat Hamazon. I ogni popolo e religione si benedice il cibo, e si ringrazia Dio per questo. Ma solo noi abbiamo registrato un “brevetto” speciale: “Grazie infinite Dio, per il cibo che ci hai dato, ma per favore, non dimenticare di ricostruire Gerusalemme”. Questo è sempre stato detto ogni volta che mangiavamo, ogni giorno, di ogni anno, per duemila anni. L’abbiamo ricordata ogni giorno, abbiamo digiunato in sua memoria, e in ogni occasione abbiamo ripetuto il giuramento degli esuli babilonesi: “Se ti dimentico, Gerusalemme, si paralizzi la mia destra; si attacchi la mia lingua al mio palato se non ti ricorderò, se non porrò Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia” (Sal 137,5-6).
3. Gerusalemme ci ha preservati nella diaspora, senza farci sparire fra i tanti altri popoli. Quando ricordavamo Gerusalemme, ricordavamo la nostra speranza di tornare a casa un giorno, di risollevare il Paese dalle sue rovine, di far fiorire la sua desolazione, e di far rinascere il regno di Israele. Infatti, se avessimo incontrato degli ebrei a Roma nel primo secolo, ad Alessandria nel secondo secolo, a Creta nel quarto secolo, a Babilonia nel sesto secolo, a Qayrawan nel Nord Africa nel decimo secolo, in Provenza nel dodicesimo secolo, in Spagna nel quattordicesimo secolo, in Persia nel sedicesimo secolo, nello Yemen nel diciottesimo secolo, in Polonia nel diciannovesimo secolo, e persino nei campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau nel Ventesimo secolo - sempre e ovunque, se chiedessimo a questi ebrei, a chi appartiene Gerusalemme? La loro risposta sarebbe semplice, inequivocabile e naturale: al popolo di Israele.
4. Sono passati circa 1800 (Mille Ottocento) anni, da quando Rabbi Akiva consolava i suoi compagni, di fronte alle rovine di Gerusalemme e del Tempio, e il 7 giugno 1967 (Mille Novecento Sessanta Sette), – il 28 (Ventotto) di Iyar del 5727 (Cinquemila Settecento Venti Sette) secondo il Calendario ebraico, i soldati dell’Esercito di Israele, discendenti di quegli stessi Tannaiti, discendenti degli Esuli di Babilonia, di Roma e di Spagna, aprirono una breccia alle porte di Gerusalemme, ed entrarono nella città vecchia, restituendola ai legittimi proprietari. “Perciò rise il padre”, dice Alterman nella sua poesia “Ayelet”; perciò rise Rabbi Akiva, perché nella storia dei popoli del mondo non c'è una storia simile a questa, e ogni tentativo di spiegarla con gli strumenti della logica, volta dopo volta, finisce per infrangersi. “Quel sorriso rimase un enigma”. Quel sorriso è stato il segreto della nostra forza nelle varie diaspore. Anche nelle situazioni più difficili. Solo in virtù di Gerusalemme, il Sionismo nelle ultime generazioni è potuto riuscire a motivare l’enorme rivoluzione che abbiamo vissuto. Sion ha sempre chiesto la pace dei suoi prigionieri, che le hanno serbato fedeltà. Non esiste Sionismo senza Sion. Le difficoltà storiche e politiche, non sono motivo di disperazione, mai sia! Richiedono invece pazienza e fede.
5. Non per niente i nostri saggi hanno determinato nel Talmud “E l’eternità è Gerusalemme”. Noi abbiamo fatto di Gerusalemme ciò che è oggi, l’abbiamo santificata e ne abbiamo fatto la capitale del regno d’Israele: “Città in cui Davide si stabilì”, circa tremila anni fa: la Città di Davide, il centro religioso, culturale, politico e spirituale del Regno di Israele. Qui, i profeti di Israele hanno annunciato giustizia e redenzione al mondo intero. Soltanto sulla base di quanto creato da noi, sono poi venute altre nazioni e religioni a reclamarne una parte. È vero, Gerusalemme ha luoghi sacri per le tre religioni, ma soltanto sotto la sovranità israeliana della città, vi è stata preservata la libertà di culto per tutti. Ma come città madre, essa è consacrata al popolo ebraico. Per questo, ogni discorso su una sua ri-divisione o internazionalizzazione, è “Come pulviscolo che si muove nell’aria, e come un sogno che svanisce”. Non è possibile estirpare a un popolo antico e vivo il suo cuore storico, culturale, politico e spirituale.
6. Due anni fa siamo riusciti a ottenere il riconoscimento di Gerusalemme da parte degli Stati Uniti, che hanno anche compiuto un atto concreto, spostando la loro ambasciata nella nostra capitale. Il mio sogno, per cui prego, è che, nell’arco del mio mandato di ambasciatore in Italia, possiamo riuscire a vedere il trasferimento anche dell’ambasciata italiana da Tel Aviv a Gerusalemme. Sarebbe una commovente e storica chiusura di un cerchio rimasto aperto per duemila anni. Il profeta Isaia, un uomo di Gerusalemme nell’ottavo secolo a.C. (prima dell’Era Volgare, ci indica che cosa dobbiamo fare: “Per amore di Sion non tacerò, per amore di Gerusalemme non resterò inerte, finché non sorga come astro la sua giustizia, e la sua salvezza non risplenda come lampada” (Is 62,1).
Buon “Giorno di Gerusalemme”!

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT