giovedi` 24 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
05.12.2019 La rete del terrorismo islamista sull'Europa
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 05 dicembre 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «La rete del terrorismo islamista sull'Europa»
La rete del terrorismo islamista sull'Europa
Commento di Stefano Piazza

Il tribunale di Copenaghen (Danimarca) lunedý scorso, ha ritenuto tre uomini colpevoli (due di loro con passaporto danese) di aver formato una cellula terroristica che aveva come finalitÓ quella di comprare droni (oltre a strumenti, termocamere e altri accessori) per conto dello Stato islamico. Dopo la condanna a sei anni di reclusione i tre verranno espulsi verso il paese di origine mentre Ŕ giÓ iniziato per due di loro l’iter per la revoca della nazionalitÓ danese. I droni di fabbricazione cinese dopo l’acquisto, venivano smontati e spediti in Siria e in Iraq attraverso una serie di complesse triangolazioni in tutto il mondo in modo da non destare troppi sospetti. Giunti a destinazione i pacchi (con all’interno i componenti) venivano rimontati e utilizzati per condurre attacchi mirati contro i curdi e gli yazidi. Il traffico sarebbe durato dal 2013 al 2017. Non c’Ŕ solo lo Stato islamico interessato all’acquisto di droni, anche l’organizzazione terroristica HAMAS attiva nella Striscia di Gaza ne fa da qualche tempo, largo uso. A loro vanno aggiunti anche i terroristi di Hezbollah che se li costruiscono da soli (per il momento solo ad ala fissa), tentando di attaccare lo Stato di Israele. E dove acquistano i componenti per costruirsi i droni gli Hezbollah? Secondo il Ministero della Giustizia americano in Europa ma non solo; ad esempio i fratelli libanesi Usama Darwich Hamade e Issam Darwich Hamade ( entrambi oggi in carcere in Sud Africa) e Samir Ahmed Berro ( latitante) tra il 2009 e il 2013, acquistarono un gran numero di componenti per l’organizzazione terroristica libanese.

Risultati immagini per stefano piazza giornalista
Stefano Piazza

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT