martedi` 10 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
01.12.2019 Usman Khan: profilo di un terrorista
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 01 dicembre 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Usman Khan: profilo di un terrorista»
Usman Khan: profilo di un terrorista
Commento di Stefano Piazza


Risultati immagini per Usman Khan
Usman Khan

Ha un volto e un nome l’uomo che venerdì 29 novembre 2019 sul London Bridge di Londra, ha accoltellato alcuni passanti uccidendone due e ferendone gravemente altri tre, prima di essere fermato dai coraggiosi passanti e per poi essere ucciso dagli agenti di polizia. Si chiamava Usman Khan ed era un volto noto agli investigatori; 28enne di origine pakistana era stato arrestato nel 2012 con altre otto persone che facevano parte di una cellula di Al Qaeda in Inghilterra. Vennero fermati poco prima di colpire la Borsa di Londra dove avevano pianificato di nascondere un potentissimo ordigno nei bagni degli uomini. Durante le perquisizioni vennero trovati diversi numeri della rivista di Al Qaeda “INSPIRE” fondata dal predicatore yemenita- americano Anwar Al Awlaky ( 1971- +2011), tra cui la celebre : Like making a bomb in your mother’s kitchen (Come fare una bomba nella cucina di tua madre). Insieme alle riviste di Al Qaeda e al piano per far saltare in aria la Borsa londinese, venne trovata una lista di obiettivi da colpire tra cui l’ambasciata Usa, la casa dell’allora sindaco Boris Johnson, alcune sinagoghe e le case di diversi rabbini. A proposito delle sinagoghe il gruppo aveva iniziato a assemblare cinque bombe da mandare per posta alle sinangoghe di Londra. Ma la cellula di Al Qaeda pensava in grande, erano state fatti diversi sopralluoghi intorno nell’area di Westminster per verificare la fattibilità di un attentato. Usman Khan era stato condannato nel 2012 e rilasciato “su licenza” nel dicembre 2018, dopo aver scontato sei anni di carcere. Alcuni media inglesi hanno riferito l’uomo indossava un braccialetto elettronico alla caviglia e che stesse frequentando un programma carcerario di deradicalizzazione che evidentemente, non ha dato risultati apprezzabili. Uno di coloro che hanno fermato Usman Khan cercando di salvare la vita di una donna, si chiama James Ford, ed è un assassino che da poco ha ottenuto la libertà condizionata . Nell’aprile del 2004 uccise la giovane Amanda Champion sgozzandola. L’ennesimo attacco in un luogo simbolico del Regno Unito, ripropone il tema dell’inefficacia dei programmi di de-radicalizzazione e della pericolosità rappresentata da tutti coloro che scontata la pena tornano liberi di uccidere.

Risultati immagini per stefano piazza giornalista
Stefano Piazza

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT