sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
18.11.2019 Fermato in Ucraina il jihadista georgiano Al-Bara Shishani
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 18 novembre 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Fermato in Ucraina il jihadista georgiano Al-Bara Shishani»
Fermato in Ucraina il jihadista georgiano Al-Bara Shishani
Commento di Stefano Piazza


Risultati immagini per islam germany
Una manifestazione islamista

I servizi segreti ucraini hanno comunicato ieri mattina di aver arrestato il cittadino georgiano Al-Bara Shishani (in alto) nome di battaglia di Cezar Tokhosashvili. Al Bara Shishani era uno stretto collaboratore di Tarkhan Tayumurazovich Batirashvili – Abū ʿOmar al-Shīshānī (1986 + 2016) comandante militare dello Stato Islamico in Siria e in Iraq, ritenuto dagli americani il “Ministro della Guerra” dell’Isis. I due uomini erano nati nella stessa regione della Gola di Pankisi (Georgia) che si trova a ridosso del confine con la regione russa del Caucaso settentrionale del Daghestan dalla quale sono partiti centinaia di combattenti islamici.

Risultati immagini per Al-Bara Shishani
Al-Bara Shishani

La figura di Al Bara Shishani resta piuttosto misteriosa tuttavia è certo che si tratti di un militante importante dello Stato islamico tanto che che che per catturalo insieme al Servizio di sicurezza ucraino (SBU), si sono attivati la CIA e il Ministero degli Interni della Georgia che hanno partecipato al blitz scattato in una casa nei dintorni della capitale ucraina Kiev dove viveva indisturbato. Secondo le prime indiscrezioni a tradirlo, sarebbe stata la sua attività sul web ed in particolare quella relativa alla pagina di Facebook del gruppo terroristico “Jamaat Ahadun Ahad”. Al Bara Shishani era arrivato in Ucraina nel 2018 proveniente dalla Turchia dove era fuggito nel 2016, grazie ad un passaporto falso. In entrambi i paesi secondo lo SBU ucraino l’uomo, aveva continuato a reclutare combattenti e a coordinare le attività delle cellule dell’Isis presenti nella zona del Caucaso.

Risultati immagini per stefano piazza giornalista
Stefano Piazza

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT