giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
08.10.2019 Tariq Ramadan: dire la verità su di lui è islamofobia
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 08 ottobre 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Tariq Ramadan: dire la verità su di lui è islamofobia»

Tariq Ramadan: dire la verità su di lui è islamofobia
Analisi di Stefano Piazza

 Visualizza immagine di origine
Stefano Piazza

Immagine correlata
Tariq Ramadan, stupratore, i media lo trattano con tutti i riguardi

Svolta nelle indagini sulla strage di giovedì scorso a Parigi; Mickaël Harpon informatico del dipartimento di intelligence della prefettura parigina autore della strage, era da tempo in stretto contatto con un imam salafita già noto ai servizi di intelligence per il suo estremismo religioso. I contatti si sarebbero fatti piu’ serrati negli ultimi tempi tanto da poter anche ipotizzare che l’autore della strage, potesse contare su una discreta rete di complicità. Le perquisizioni operate nella sua casa di Gonesse ( Val d’Oise) e nel suo ufficio presso la prefettura di Parigi teatro della strage, hanno portato al rinvenimento di un disco esterno USB dove Harpon aveva archiviato una serie di video di propaganda dello Stato islamico ma non solo, l’uomo aveva anche conservato le coordinate e i dati personali di dozzine di suoi colleghi. Allo stato nessuno è in grado di stabilire cosa intendesse fare con questi dati tuttavia, c’è il grande timore che abbia potuto condividerli con altri estremisti islamici. Occorre ricordare a questo proposito che Mickaël Harpon, operava in prefettura con un alto livello di autorizzazioni di sicurezza informatica un fatto questo, che getta ulteriori preoccupazioni sulla gestione dell’intero comparto dell’intelligence francese nuovamente scosso da feroci critiche e polemiche politiche. Sui fatti di Parigi è intervenuto anche Tariq Ramadan sempre piu’ alle prese con accuse di stupro, che si è premurato di esprimere la sua solidarietà anche alla famiglia dell’assassino con il consueto doppio linguaggio ( vedi sotto ). In ogni caso è quantomeno curioso il fatto che Tariq Ramadan possa ancora utilizzare il web e tutti i mezzi televisivi che gli spalancano le porte mentre le sue vittime, restano in silenzio nell’ombra per paura di ritorsioni come descritto nel bellissimo libro di Bernadette Sauvaget L’affaire Ramadan “. Intanto, come mostra l’edizione odierna del “Le Figaro” con l’ultima strage di Parigi, salgono a 263 le persone morte in attacchi islamisti in Francia dal 2012 ad oggi. Alzi la mano chi ancora crede che questa non sia una vera e propria guerra.

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT