mercoledi` 20 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
10.08.2019 E' giusto temere l'islam?
Commento di Deborah Fait

Testata: Informazione Corretta
Data: 10 agosto 2019
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «E' giusto temere l'islam?»

E' giusto temere l'islam?
Commento di Deborah Fait

a destra: al funerale di Dvir Sorek

"All’università Birzeit di Ramallah, dove si va in Erasmus e che l’Unione Europea coltiva molto, si distribuiscono dolcetti per festeggiare l’uccisione di un ragazzo israeliano, Dvir Sorek. Io che sono un fanatico proisraeliano, lascio a voi moderati trarre le debite conclusioni." Così scrive su Facebook Giulio Meotti.
A Gaza erano talmente felici che hanno invaso le strade ghignando come iene per l'assassinio di Dvir Sorek. Brindano, loro, adoratori della morte. Dvir era ancora un ragazzino idealista il cui bel volto irradiava la luce della speranza e dell'innocenza , studiava in Yeshivà e faceva parte di un'associazione che credeva nel dialogo con i giovani arabi. Aveva tutta la vita davanti a sé e dei barbari vigliacchi, che forse lo conoscevano per il suo impegno di pace, gliel'hanno spenta per sempre.

Risultati immagini per sorek funeral
Netanyahu: prenderemo gli assassini di Dvir

 
Un tragico destino quello della famiglia Sorek, simile a tantissime famiglie di Israele, quando Dvir aveva tre mesi fu assassinato suo nonno, il rabbino Benjamin Harling, da alcuni cecchini arabi. Sembra impossibile, ma l'università Birzeit che ha sfornato alcuni dei più feroci terroristi assassini di ebrei, fa parte dell'Erasmus. Sarebbe come mandare studenti europei a studiare nelle madrasse di Al Queda.
Mi chiedo con quale stato d'animo può tornare a casa un ragazzo europeo che per un anno ha sentito solo parole di odio puro contro lo stato di Israele. L'Erasmus e la UE coltivano tanti nuovi antisemiti, per di più violenti, che andranno a riempire le fila delle tante, troppe, organizzazioni filoarabo-palestinesi presenti nel continente.

Molti di noi si chiedono "Dobbiamo temere l'islam?", i bravi progressisti, moderati, pacifisti, quelli dell'autoflagellazione e del noi-ne-abbiamo-fatte-di-porcherie-in-Africa, diranno di no, l'islam è una religione di pace e amore, assicurano quasi in estasi sapendo di mentire.
Ebbene io sì che ho paura dell'islam, lo temo come la peste. Da quando è nato ha fatto solo guerre e morti, invasioni e terrorismo ma più del terrorismo e della violenza mi spaventa l'invasione silenziosa. Un vero e proprio Cavallo di Troia nella debole e ormai morente Europa.
I Fratelli Musulmani sono la mente, sono quelli che usano L'aumento demografico dell'islam di pari passo con la minaccia terroristica.
Dal 2004 il Vecchio Continente ha avuto 641 morti da attentati islamici.
Gli ebrei, da sempre il capro espiatorio in ogni rivoluzione, stanno scappando e quelli che restano cercano di non farsi riconoscere per evitare aggressioni che spesso finiscono in omicidi.
La colonizzazione dell'Europa da parte dell'islam avviene in ogni campo, la Fratellanza musulmana è come un immenso ragno che allarga le sue zampe e tesse la sua tela intorno all'occidente buonista del " siamo tutti uguali, accoglienza… accoglienza".

Lo dice anche il Papa, perbacco, che però non li fa entrare in Vaticano!

Le squadre di calcio più famose sono sponsorizzate dai paesi islamici.
Il Real Madrid ha dovuto eliminare dal proprio logo la croce per poter giocare nei paesi del Medio Oriente dove anche possedere il Vangelo può portare a farti saltare la testa, nel senso letterale della parola.
Esiste da anni la colonizzazione economica, grandi imprese europee vengono vendute a sceicchi o dittatori vari di paesi fanatici, dove vige la sharia come unica legge, Qatar e Emirati Arabi Uniti, Iran.
Infine c'è la colonizzazione politica e qui arriviamo alla liberale Inghilterra dove i sindaci musulmani sono sempre in aumento. Birmingham è chiamato "il piccolo califfato del Regno Unito" https://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/benvenuti_a_birmingham_il_mini_califfato_del_regno_unito-2335872.html

Birmingham è ormai totalmente musulmana, "gli infedeli" hanno paura ad entrarvi. Nelle scuole della città si assumono insegnanti e presidi di fede islamica, sono proibite le festività cristiane, abolito del tutto il Natale e gli studenti vengono indottrinati con il Corano. A Londra il sindaco è musulmano e la presenza islamica si aggira intorno al 35 per cento dei residenti, l'islam è la seconda religione in Inghilterra con una popolazione di 3 milioni.
Scrive il Messaggero che la British Law Society ha invitato gli avvocati ad accettare alcune regole della Sharia. Si stanno schiavizzando con le loro stesse mani.
In Italia c'è chi auspica la poligamia e la legge islamica nei tribunali. Parole di Davide Piccardo, rappresentante dei Fratelli Musulmani, che sogna una futura Italia saudita.

Visualizza immagine di origine

Sorridete? Credete non possa mai avvenire? Beh, io non ne sarei così sicura. Meglio essere seri, molto seri perché alle parole di Piccardo che può anche essere un signor nessuno, seguono quelle di Youssef al Qaradawi, sceicco qatariota: "La conquista di Roma, la conquista dell’Italia e dell’Europa. Questo significa che l’Islam tornerà in Europa ancora una volta. Si può dire che questa conquista si farà attraverso una guerra? No, non è necessario. Esiste la conquista pacifica, e la conquista pacifica è uno dei principi di questa religione. Prevedo che l’Islam tornerà in Europa senza ricorrere alla spada. Questo sarà fatto attraverso la predicazione e le idee”.

Mi torna in mente Arafat "distruggeremo Israele con la pancia delle nostre donne". E' una mania dunque. Ma possiamo stare tranquilli, questa volta non ci impaleranno, né ci taglieranno le teste ( come fa l'Isis) non ci bruceranno vivi come fa sempre l'Isis…ricordo con orrore le immagini del povero pilota giordano rinchiuso in gabbia, ricoperto di benzina…poi hanno fatto clic con gli accendini.
I Fratelli Musulmani mica sono così barbari, per carità, loro pagano, regalano milioni di euro per progetti islamici nelle città europee, si appropriano delle scuole e comprano le anime degli studenti, ogni tanto organizzano qualche attentato ma solo perché gli europei non dimentichino che l'islam c'è, come Dio in autostrada!
 Il declino dell'Europa è ormai a buon punto ma nessuno sembra rendersene conto. Noi in Israele, a parte qualche idiota di sinistra, sappiamo cosa aspettarci dall'islam e sappiamo che chi appartiene a quella fede/ideologia non conosce pietà né pentimento, peculiarità dei sociopatici, e avere un miliardo e mezzo di sociopatici intorno a noi non ci rassicura proprio per niente.

Un esempio tristissimo: ieri, 9 agosto, ricorreva il 18esimo anniversario della strage alla pizzeria Sbarro di Gerusalemme, 15 vittime tra cui otto bambini. La terrorista responsabile, insieme a un complice, della tragedia si chiama Ahlam Tamimi, zia della Tamimi giovane, la bionda icona degli odiatori di Israele. La Tamimi zia (liberata per riavere a casa Gilad Shalit) vive in Giordania, libera e felice, non si è mai pentita, quando ricorda la strage sorride soddisfatta e dice che avrebbe sperato di fare più vittime. "Subito dopo l’attentato, Ahlam Tamimi si trovava su un autobus palestinese di ritorno a Ramallah e successivamente ha descritto cosa accadde quando arrivarono le prime notizie della strage, con il bilancio delle vittime che cresceva di minuto in minuto. “Mentre il numero di morti continuava ad aumentare, i passeggeri applaudivano – ha raccontato alla tv di Hamas Al-Aqsa – Non sapevano nemmeno che io fossi tra loro. Sulla via del ritorno [verso Ramallah], passammo un posto di controllo della polizia palestinese e i poliziotti ridevano. Uno di loro sporse la testa dentro l’autobus e disse: “Congratulazioni a tutti noi”. Erano tutti felici”. " https://www.israele.net/lamarissimo-anniversario-dellattentato-alla-pizzeria-sbarro-di-gerusalemme?fbclid=IwAR01OD4eViLS9bN-r36TqIS-dHtxjLW-W4d3UAD-qaIyiORqTM-d_B2GRxQ .
E aggiunge la Tamimi:" " Più saliva il numero delle vittime, più non riuscivo  a nascondere il sorriso". Ad oggi l'ANP paga ai terroristi di Sbarro, Tamimi compresa, 25.800 dollari al mese.
Mandate mandate soldi all'ANP, poveri allocchi d'Europa, anzi, vergognosi complici del terrorismo arabo palestinese. Ogni vostro centesimo dato alla "causa palestinese" ha ucciso quegli otto bambini e molti altri.

Ecco, questo è un esempio tipico di ciò che è l'islam, amore per la morte e disprezzo per la vita. C'è di che averne paura ma la stupida Europa dei burocrati è tutta felice di fare entrare tanti bei cavallini di Troia, dalla cui pancia usciranno turbanti, burka, tanti soldi, esplosivi e armi e una quantità indefinita di feroci Tamimi.
Per fare la differenza voglio citare le parole del Papà di Dvir Sorek al funerale del figlio : " Caro e amatissimo Dvir, fra qualche giorno noi celebreremo il tuo 19esimo compleanno. Io penso a questi 19 anni trascorsi insieme e sorrido alla tua memoria che mi riporta alla mente un volto luminoso, la tua innocenza e il tuo amore per gli esseri umani. Alcuni deboli amanti della morte hanno rubato la tua vita, la tua innocenza e il tuo amore per la vita stessa"

Cosa leggiamo in queste parole? Solo amore, non esiste odio, nessuno tra le migliaia di persone presenti ha detto una sola frase di vendetta, solo lacrime e tanto dolore. Questo è Israele, eppur lo odiano. Quello è l'islam, eppur lo amano. Non capirò mai i misteri più reconditi e vergognosi dell'animo umano.

 Immagine correlata
Deborah Fait
"Gerusalemme, capitale unica e indivisibile dello Stato di Israele"


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT