mercoledi` 20 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
25.06.2019 In Germania mancano all’appello 160 jihadisti. Dove sono finiti?
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 25 giugno 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «In Germania mancano all’appello 160 jihadisti. Dove sono finiti?»

In Germania mancano all’appello 160 jihadisti. Dove sono finiti?
Commento di Stefano Piazza

Immagine correlataImmagine correlata
Stefano Piazza

 Mentre in alcuni paesi europei si discute del possibile ritorno dei foreign fighters, dalla Germania arrivano dati poco confortanti. Secondo quanto sta emergendo in questi giorni all’appello delle autorità tedesche, mancano almeno 160 individui dei quali nessuno ha piu’ notizie. Sono vivi o morti? E se sono vivi dove sono finiti?
In risposta ad una interrogazione parlamentare il governo tedesco ha reso noto che; “ la maggior parte di questi 160 islamisti sono stati probabilmente uccisi in combattimento. Aggiungendo che; “sporadicamente, queste persone potrebbero anche riuscire a stabilirsi e/o re-immergersi nella società tedesca” ,che, tradotto, suona più’ o meno ; “Non ne sappiamo praticamente niente”.
Su un totale di 1.200 jihadisti partiti dalla Germania, 220 sarebbero stati uccisi in combattimento nel “Siraq”, mentre un terzo di loro è tornato nella Repubblica federale.
Costoro vengono monitorati costantemente insieme ai 400 islamisti molti dei quali convertiti all’islam, pronti all’atto di forza e che fanno parte dei circoli dell’islam salafita che ha ormai raggiunto le 12.000 unità.
Ma allora quanti sono i detenuti tedeschi prigionieri nelle carceri siriane o irachene? Nessuno lo sa con certezza perché le autorità tedesche si sono chiuse a riccio ma secondo alcune indiscrezioni (non smentite), all’interno della “Sezione 511” del Ministero degli Affari Esteri – incaricata degli “aiuti di emergenza per i tedeschi all’estero” ci sarebbero almeno 63 dossier di uomini e donne provenienti dalla Germania attualmente in carcere in Siria, Iraq, Turchia e Grecia.
A loro vanno aggiunti 117 bambini molti dei quali nati durante il conflitto che oggi languono nei terribili campi di prigionia a causa prima di tutto, della follia dei loro genitori.


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT