lunedi` 22 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
16.06.2019 Da Qatar e Arabia Saudita il terrorismo che ha colpito Sri Lanka
Analisi di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 16 giugno 2019
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Da Qatar e Arabia Saudita il terrorismo che ha colpito Sri Lanka»

Da Qatar e Arabia Saudita il terrorismo che ha colpito Sri Lanka
Analisi di Stefano Piazza

Immagine correlataImmagine correlata
Stefano Piazza                      Ahamed Milhan Hayathu Mohamed

L’Interpol ha annunciato ieri l’arresto di cinque uomini a Jedda, in Arabia Saudita. Sono tutti accusati di essere coinvolti negli attentati perpetrati nello Sri Lanka durante la Pasqua e per questo, sono stati subito estradati a Colombo capitale dello Sri Lanka. Tra i cinque arrestati c’è uno dei massimi leader del National Thowheeth Jama’ath (NTJ), l’organizzazione jihadista che ha organizzato gli attacchi. Si tratta del 29enne cingalese Ahamed Milhan Hayathu Mohamed che era ricercato con le accuse di terrorismo e omicidio fin dalle prime ore successive agli attentati. Questi arresti arrivano dopo che nel maggio scorso le autorità dello Sri Lanka, avevano confermato l’arresto di altri uomini in Qatar e in Arabia Saudita. Le autorità di Colombo hanno potuto contare su una struttura investigativa d’elite dell’Interpol denominata “Incident Response Team”arrivata da Lione (dove ha sede l’Interpol) nello Sri Lanka, subito dopo gli attacchi. “L’arresto e l’estradizione di uno dei principali sospettati di attentati dinamitardi nello Sri Lanka è un passo importante nelle indagini”Jürgen Stock. Segretario generale di Interpol Gli uomini dell’IRT hanno competenze specifiche in settori quali l’antiterrorismo, gli esplosivi, l’analisi e l’identificazione delle vittime di disastri, oltre a saper incrociare in tempo reale, le informazioni raccolte sul posto con l’enorme database dell’Interpol. Gli arresti effettuati in Arabia Saudita e in Qatar mostrano ancora una volta, il filo nero che lega le organizzazioni salafite cingalesi ad alcuni paesi del Golfo Persico che negli hanni hanno fortemente influenzato con il denaro e il proselitismo, la crescita dell’estremismo religioco anche nello Sri Lanka. Il lavoro che attende il governo di Colombo falcidiato dalle accuse di complicità, dalle dimissioni arrivate dopo gli attentati di Pasqua, appare quantomai complicatissimo.


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT