sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
13.05.2019 IC7 - Il commento di Davide Romano: Prudenza imprudente di fronte all'islamismo
Dal 6 all'11 maggio 2019

Testata: Informazione Corretta
Data: 13 maggio 2019
Pagina: 1
Autore: Davide Romano
Titolo: «IC7 - Il commento di Davide Romano: Prudenza imprudente di fronte all'islamismo»
IC7 - Il commento di Davide Romano
Dal 6 all'11 maggio 2019

Prudenza imprudente di fronte all'islamismo
Risultati immagini per islamism

Il filosofo Burke diceva che se si vuole che il male trionfi, è sufficiente che i buoni non facciano nulla. E' vero. Eppure....eppure ancora oggi c'è chi dice che per esempio nella polemica contro l'islamismo fanatico bisogna andarci piano, tacere. Ecco alcune classiche frasi: "meglio non alzare troppo la voce, che bisogno c'è?" oppure "Se fai così, le tensioni si acuiscono" o ancora "I problemi non si risolvono gridando" fino ai meno ipocriti "E poi così è pure pericoloso, meglio lavorare dietro le quinte" oppure il sempre verde "Non ti esporre, chi te lo fa fare?". Sono le stesse identiche frasi che si sono sempre dette in ogni situazione di contrasto ad altri tipi di criminalità. Lo dicevano anche a mio nonno, che tra i primi scrisse un libro contro la mafia, quando in tanti sostenevano che neanche esistesse. Oggi chi proponesse di abbassare i toni sulla mafia sarebbe giustamente subissato dai fischi. Stessa sorte spetterebbe a chi proponesse di non condannare a voce alta il neofascismo. A tal proposito, sorge spontanea una domanda: perché alcuni di coloro che manifestano vivacemente contro la mafia e il neofascismo, perdono la voce quando si tratta di denunciare l’islamismo? Essere uccisi da un mafioso o da un terrorista, non dovrebbe fare grande differenza. Evidentemente manca la stessa consapevolezza del pericolo che rappresenta l’islam radicale. Nel criticare i fondamentalisti islamici, c'è sempre qualche prudenza di troppo. 

Non è ancora universalmente accettato scandalizzarsi dell'estremismo islamico, nonostante le montagne di morti che ha causato. La maggior parte dei quali, peraltro, musulmani. Si arriva al paradosso che per amore dei musulmani qualcuno si autocensura nei confronti dell’islamismo che li stermina. Come se, per amore dei siciliani, si decidesse di non denunciare la mafia. Per fortuna ci sono musulmani che parlano chiaro e forte: da Boualem Sansal a Kamel Daoud, passando per l’italo-somala Maryan Ismail. Sono tutti musulmani impazziti? No, semplicemente sanno che il pericolo maggiore è nel tacere. Hanno capito che il terrorismo islamico ti colpisce per quello che sei, non per quello che fai. Del resto anche nel mondo ebraico le menti più illuminate hanno saputo alzare forte la voce e denunciare l’islamismo: da Georges Bensoussan a Alain Finkielkraut, senza dimenticare il rabbino Giuseppe Laras, che fino alla fine ha indicato con straordinaria lucidità e determinazione quel pericolo. Anche a loro qualcuno ha suggerito di non alzare troppo la voce. Ma chi conosce l’islamismo e la sua capacità di conquistare le menti occidentali, sa bene che la battaglia è soprattutto culturale e va condotta sul piano delle parole. Per il bene di tutti, musulmani compresi.


Davide Romano
Conduttore televisivo, scrittore, collabora con La Repubblica - Milano


takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT